• Ven. Ott 29th, 2021

Il “bollettino di guerra” di questo Capodanno, meno feriti ma danni permanenti

DiThomas Scalera

Gen 1, 2018

Come ogni anno il giorno post cenone è anche occasione di “conta” del bollettino di guerra causato dai botti e dai fanatici di questi. Stavolta non si registrano, fortunatamente, feriti gravi, e il numero delle vittime è calato radicalmente. Sono infatti circa 35 nel napoletano,  nel dettaglio a Napoli sono state 22 le persone ferite per lo scoppio di botti e 13 in provincia. Un 23enne ha perso due dita della mano destra mentre un 27enne di Castel Volturno rischia di perdere l’occhio destro. Un 52enne di Casavatore è stato ricoverato per lesioni al braccio e alla nuca mentre un 49enne di Portici ha riportato ustioni su diverse parti del corpo. Complessivamente il numero di feriti è in calo rispetto allo scorso anno quando il bilancio fu di 46 persone. Spostandoci al nord Italia, precisamente a Torino, invece, le persone ferite sono 4. La dinamica dell’incidente però è molto singolare. Infatti sembrerebbe, dalle prime ricostruzioni e dalle testimonianze di alcuni testimoni oculari, che allo scoppio di una unica bomba carta siano succeduti danni a ad autovetture e persone. E’ successo in via delle Querce, nel quartiere periferico della Falchera. L’ordigno ha danneggiato quattro automobili parcheggiate e ha mandato in frantumi le finestre di trenta abitazioni: sono state le schegge di vetro a provocare i ferimenti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, con il reparto artificieri, e i vigili del fuoco. Sono state trovate altre dodici bombe carta di fattura artigianale e due proiettili.I feriti sono S.Y., 17 anni marocchino, che ha riportato lesioni alla mano sinistra guaribili in dodici giorni; L.D., italiano, 61 anni, con un abrasioni e ustioni alla gamba destra guaribili in dodici giorni; T.S., 83 anni, con ferite e graffi al volto guaribili in sette giorni; A.F., 45 anni, donna di origini marocchine, con ferite lacero contuse allo zigomo destro guaribili in dieci giorni. Si tratterebbe del famigerato ordigno che prende il nome di “bomba di Kim”, in onore del presidente del Nord Korea. Ogni anno un nome di fantasia diverso per questi ordigni che però lasciano danni reali e permanenti.

Due donne kamikaze si fanno esplodere in Nigeria: almeno 13 morti

Napoli, bomba carta esplode uccidendo una persona

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru