CulturaNewsPagina Nazionale

Il Colibrì di Sandro Veronesi vince il premio Strega. La nostra intervista

Anche per me è arrivato il momento di affrontare Il Colibrì di Sandro Veronesi. Lo voglio intervistare. Dall’altra parte sento simpatia e disponibilità mista a un po’ di imbarazzo: “Sì certo, ma sai, lui è così impegnato…in questo momento si sta occupando di tante cose. Così, grazie ai social media, scopro che è stato invitato in una libreria che resiste ai colossi. La libreria Eli, in Viale Somalia a Roma, distante dal marciapiede, ma vicina a un pubblico curioso e raffinato che si riunisce in questo spazio poliedrico per dare vita alla cultura in cortile, perché nonostante fossimo a ridosso della finale del Premio Strega, continuiamo ad essere al tempo del Covid. Maria Gloria Fontana e Claudio Bello terranno l’incontro. Marcello Ciccaglioni, ex fondatore delle catene Arion, è l’ideatore dello spazio.

Arriva, per fortuna mia, appena quindici minuti prima del dibattito e così io e la mia timidezza ci presentiamo: “Ciao Sandro, avrei un’intervista con te.” Lui mi guarda e in pochi secondi decidiamo di rinunciare al video per via della mascherina. Come si fa ad intervistare qualcuno coperto da una mascherina? Sarebbe bastato aumentare tra noi la distanza. Ma la mia emozione mi impedisce di pensare alle soluzioni semplici. E così partiamo con la registrazione audio. Le domande, ovviamente le avevo scritte tutte.

All’ultima domanda, per motivi di tempo, devo rinunciare ma come succede a volte, qualcun altro dal pubblico gliene rivolge una simile. Questa sera, anzi questa notte, è il due luglio, ha vinto lui il Premio Strega. Lo guardo dallo schermo emozionato, e mi emoziono nuovamente anche io. Tanti auguri Sandro. Oltre a Caos Calmo anche Il Colibrì. Due premi Strega in una vita. Non è da tutti.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
2
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.