• Mar. Ott 19th, 2021

Il complotto di Chernobyl – The russian Woodpecker

DiThomas Scalera

Apr 29, 2016

«Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker» è uno dei documentari più potenti che si siano visti in sala negli ultimi mesi. Il regista Chad Gracia segue le ricerche di un artista ucraino, Fedor Alexandrovic, che nel 1986, quando avvenne il disastro di Chernobyl, aveva solo quattro anni e viveva poco distante dalla centrale nucleare. L’indagine di Alexandrovic lo porterà a scoprire un legame tra la tragedia e la Duga, un’antenna che ai tempi della Guerra Fredda doveva interferire con le comunicazioni occidentali e infiltrarle di propaganda sovietica. Una struttura che non ha mai funzionato e che, forse, non è estranea allo scoppio del reattore. E se non si fosse trattato di un incidente? Da questa domanda parte «Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker», un documentario che somiglia a un thriller, inquietante e angoscioso dal primo all’ultimo minuto. Tra teorie di complotto, coincidenze spaventose e slanci paranoici, Chad Gracia racconta un uomo ucraino che, come tanti connazionali, è tornato a farsi delle domande che non hanno mai avuto una risposta. Nel bel mezzo della rivoluzione ucraina, Fedor Alexandrovic deve fare una scelta non facile: svelare a tutti ciò che ha scoperto oppure rimanere in silenzio per proteggere la sua famiglia. Scioccante e spaventoso, il film coinvolge nel modo giusto.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru