• Mar. Ott 4th, 2022

Il manifesto della discordia, Buco ‘oscurato’ rimette le deleghe

DiRedazione V-news.it

Ago 11, 2022

Il consigliere delegato al Turismo fa affiggere un manifesto che poi viene oscurato

Buco rimette le deleghe, tensione nella maggioranza e nell’associazione Pro-Loco al centro della diatriba

ROCCAMONFINA – Il consigliere Valerio Giuseppe Buco rimette le deleghe al primo cittadino. Scoppia la polemica politica nel comune vulcanico all’indomani della decisione del consigliere delegato al Turismo del Comune di Roccamonfina, Valerio Buco, di rimettere le deleghe al sindaco Carlo Montefusco.

La vicenda nasce a seguito dell’affissione di un manifesto pubblico, firmato da entrambi, nel quale si chiedeva la convocazione di un’assemblea pubblica al fine di sollecitare la costituzione di una nuova Pro-Loco in città. Dopo poche ore dall’affissione il manifesto è stato di fatto oscurato con un foglio bianco per impedirne la lettura ai cittadini. Un gesto gravissimo che ha provocato la reazione del consigliere Buco che ha prontamente rimesso le deleghe nelle mani del sindaco Montefusco.

Lo stesso consigliere ha spiegato le motivazioni che lo hanno condotto a tale decisione attraverso un post sul proprio profilo Facebook personale. “Cari concittadini e concittadine, considerata l’assenza, ormai da anni, di una Pro Loco attiva sul territorio del Comune di Roccamonfina, dopo il lavoro svolto per l’organizzazione della 64esima Estate Roccana, e dopo la stesura del relativo programma, concordemente con il Sindaco, redigo un manifesto (vedi foto), nell’intento di tornare a comunicare con la popolazione anche con i canali tradizionali: la piazza – scrive il consigliere Buco nel suo post via social-.

Ebbene, con lo stesso documento, evidenziato il grosso impiego di sforzi umani e di capitali, si cerca di spiegare le ragioni di un’offerta turistica votata alla sobrietà e alla qualità, rimarcando la volontà di convocare una pubblica assemblea per la costituzione di una nuova Pro Loco cittadina vista l’assenza prolungata di quella già esistente, nel frattempo cancellata sia dagli elenchi provinciali che regionali UNPLI. Il manifesto viene quindi firmato dal Sindaco e dal sottoscritto – prosegue Buco , e finalmente affisso in data 8 agosto.

Il manifesto “coperto” all’origine della vicenda politica

Inspiegabilmente, senza alcun preavviso, apprendo dopo solo 12 ore dall’affissione che il manifesto è stato oscurato per volontà del Sindaco (già firmatario dello stesso), forse a fronte delle recriminazioni del “presidente” (?) della Pro Loco fantasma, ora esistente per ragioni di convenienza, talora no (vedi manifestazioni estive) senza alcun rispetto del mio ruolo quale Consigliere delegato al Turismo e senza spiegazione tale da giustificare la ambigua delegittimazione del mio operato e delle volontà (che immaginavo condivise) cristallizzate nel manifesto incriminato.

Sempre a mia insaputa, la Pro Loco, non idonea all’organizzazione degli eventi estivi, diventa idonea per l’organizzazione della Sagra. Quanto accaduto è di tale gravità e importanza da dover essere raccontato: oltre a contraddire sé stesso, il Sindaco ha pubblicamente sminuito il mio operato, sempre condotto con passione, onestà e giustizia, provando infine a intaccare la mia dignità, che, come uomo e professionista, ho l’obbligo di tutelare, anche nel rispetto di coloro che, nel 2020, mi hanno accordato fiducia.

Per tali ragioni – conclude il consigliere comunale-, ho rimesso al Sindaco tutte le deleghe a me affidatemi come Consigliere Comunale di Roccamonfina. Continuerò a svolgere il mio ruolo nell’interesse dell’intera collettività vigilando, con trasparenza, sul corretto operato dell’Amministrazione”.

La vicenda sta agitando fortemente la maggioranza consiliare che governa da sola (causa assenza di una lista di opposizione) il comune vulcanico, e la stessa Associazione Pro-Loco guidata dal Presidente Bartolomeo Petrillo. Nel pieno dell’Estate Roccana e con la Sagra della Castagna alle porte, quanto accaduto rischia di provocare ulteriori conseguenze.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale