Alto CasertanoNews

Il mondo ambientalista si incontra a Presenzano il 12 per dire no alla Turbogas

Nella giornata di Mercoledì 12 Maggio alle 18:00 i movimenti ambientalisti si incontreranno in località Frasseto a Presenzano, nei pressi del cantiere della centrale termoelettrica “Turbogas” voluta da Edison Spa. A Presenzano, la multinazionale “green” Edison, che, con un’autorizzazione vecchia di 10 anni, e con la complicità di una classe politica inetta a tutti i livelli, si insidia nei territori già martoriati della Valle del Medio Volturno per bruciare gas al fine di produrre 780 MW di elettricità. Risulta incomprensibile investire ancora nei combustibili fossili, nel 2021, quando si dovrebbe puntare esclusivamente nelle fonti rinnovabili e sulla transizione ecologica, eppure gli incentivi che paghiamo con le nostre tasse, vanno a foraggiare proprio l’utilizzo del gas dichiarato fondamentale per quel processo di decarbonizzazione che in ambito energetico dovrebbe vedere attuati reali provvedimenti ecosostenibili. Ed è così che la questione presenzanese si erge a simbolo di una farsa globale che a livello nazionale assume sfumature grottesche e lascia intravedere all’orizzonte grandi proventi per i colossi energetici, e sempre meno attenzione, crescita e cura per le comunità locali, ormai quasi definitivamente depredate dell’unico bene che le realtà agroalimentari possano vantare: la terra. La cosa singolare che una parte della popolazione non conosce è che la Edison è stata condannata a Bussi per disastri ambientali, a Presenzano si presenta in veste di società all’avanguardia per offrire alla popolazione null’altro che tonnellate di CO2 e altri residuati, quando il Bel Paese dovrebbe andare in tutt’altra direzione.
Nel Regno Unito il Capacity Market è stato già condannato nel 2018 dalla Corte di Giustizia europea per uno schema giudicato illegale.
Per questo motivo, tutti i comitati sensibili alla questione, si siuniranno nellagiornata del 12 Maggio che probabilmente sarà la prima tappa di una serie di appuntamenti di condivisione di visioni critiche sulle realtà ambientali e sulle ripercussioni che un modello di sviluppo insostenibile comporta non più solo alle realtà locali, ma all’intero globo.

Questa protesta globale arriva sull’onda di una petizione lanciata da cittadini e comitati che in poche settimane ha raccolto migliaia di firme.

E’ l’inizio di una lunga battaglia. Nei prossimi giorni tornerò sull’argomento approfondendo alcune questioni locali e nazionali che meritano rispetto.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto e testo
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.