• Lun. Lug 4th, 2022

Il presidente Alberto Pallotti: «Grati della lettera del Santo Padre, ora chiediamo un appello per la sicurezza stradale»

Grande apprezzamento per le parole del Santo Padre, che si è unito al messaggio che le istituzioni dovrebbero dare per fermare questa assurda strage stradale». Così Alberto Pallotti, presidente dell’AUFV, l’Associazione Unitaria Familiari e Vittime, dopo che papa Francesco ha impartito, a mezzo lettera, la Benedizione Apostolica alle tre associazioni riunite sotto l’AUFV: l’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada ODV, l’Associazione Mamme Coraggio e Vittime della Strada A.M.C.V.S. e l’Associazione Unitaria Familiari e Vittime.
La lettera del Santo Padre è arrivata a seguito di una richiesta di incontro da parte delle tre associazioni per «discutere e confrontarci sul drammatico problema della sicurezza stradale». Nella lettera, a firma di Monsignor L. Roberto Cona, Assessore per gli Affari Generali della Segreteria di Stato del Vaticano, si legge: «Il Sommo Pontefice ringrazia per l’aiuto di spontanea confidenza, come pure per la sensibilità nei riguardi di una questione di grande rilevanza sociale e, mentre incoraggia, a proseguire il significativo impegno nel segno della solidarietà, di cuore imparte la Benedizione Apostolica».  Respinta, invece, la possibilità di un incontro.
«Ringraziamo per questa lettera», dice Biagio Ciaramella, vicepresidente dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, «perché è indice che il Papa ha preso atto della nostra sensibilità nei confronti del problema della sicurezza stradale. Siamo molto grati perché ha manifestato la sua vicinanza alle vittime. Però, vorrei ricordare che noi non ci muoviamo solo per sensibilizzare le persone, ma perché siamo stati costretti da un lutto a fare questa battaglia sociale della quale nessuno vuole parlare, anche se dodici morti al giorno sulle strade sono una vera e propria carneficina. Spero che, dopo questo messaggio, il Santo Padre decida anche di parlare pubblicamente delle vittime della strada e della nostra tragedia. Nei prossimi mesi rinnoveremo il nostro appello al Papa, non tanto perché vogliamo essere accolti a incontro con lui, ma per rammnentare che questa tragedia esiste, anche se nessuno ne vuole parlare».                                                                                                                                                                                                 «Il Santo Padre è una figura di riferimento», aggiunge Alberto Pallotti, «è un faro per tutti noi, in quanto guida la nostra cristianità e spiritualità. È indubbio che il messaggio da portare ai nostri cari è che ci sia vita dopo la morte, ma è anche vero che il suo appello per noi che rimaniamo sulla terra è fondamentale, perché noi possiamo fermare tanti morti e dobbiamo farlo per rispetto ai nostri cari che non ci sono più. Ma anche per rispetto nei confronti di chi invece c’è e ha diritto a vivere una vita senza traumi, tragedie e infortuni gravi».
Info:
www.vittimestrada.eu
aifvsufficiostampa@vittimestrada.eu
Tel. 328 943 2909

Richiesta: A.U.F.V, Associazione unitaria familiari e vittime ODV
A.M.C.V.S. Associazione Mamme Coraggio e Vittime Della Strada ODV
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada – ODV
www.vittimestrada.eu
________________________________________________________
Alberto Pallotti. Presidente Nazionale Aifvs Onlus. Tel Cell. 392.1881975 Fax: 045.4853622 Email: presidente@vittimestrada.eu
aifvs@pec.it
A Sua Santità
Papa Francesco
Città del Vaticano
Associazione unitaria familiari e vittime Odv
………………..
Santo Padre,
Con la presente le chiediamo un incontro per discutere e confrontarci sul drammatico problema della sicurezza stradale. Ogni anno sono moltissime le persone che perdono la vita sulle strade, la maggior parte sono giovanissimi che lasciano tra i loro cari un vuoto incolmabile.
Le nostre Associazioni sono impegnate da anni a sostenere le famiglie colpite da lutti dolorosissimi, straziate dal dolore per la perdita, spesso, dei propri figli a causa di incidenti che potrebbero essere evitati. Combattiamo al loro fianco nel nome della giustizia per chi non c’è più. I dati sono preoccupanti: in Italia ogni giorno muoiono sulla strada in media 12 persone, motivo, questo, che ci fa essere presenti nei processi, nel ruolo di parte civile.
Purtroppo, le sentenze sono irrispettose del dolore delle famiglie, poiché le pene irrogate a chi uccide sulle strade italiane sono molto ridotte. Le richieste di patteggiamento e di rito abbreviato da parte delle difese fanno ridurre ancora di più le condanne previste. Inoltre, grazie alla possibilità di cumulare gli sconti di pena previsti per il rito abbreviato con quelli per il concordato in appello, le pene comminate sono minime.
Le famiglie delle vittime, già sofferenti per la perdita dei loro congiunti, si trovano a dover sopportare un ulteriore dolore per la negata giustizia per sé e per i propri cari che non ci sono più. Intanto gli incidenti sulle strade aumentano. Il nostro lavoro persegue l’obiettivo di far diminuire il numero delle vittime di omicidio stradale, possibile solo se si commina la giusta pena, che servirà da deterrente per tutti coloro i quali non rispettano, o non fanno rispettare, il codice della strada.
Le chiediamo, pertanto, di incontrarci per aiutarci e sostenerci moralmente.
Grati per la sua paterna comprensione, voglia gradire i nostri più devoti ossequi.
Associazione unitaria familiari e vittime Odv
Vice Presidente e rappresentante della
A.I.F.V.S. Associazione Italiana
Aversa, 11/01/2022 Familiari e Vittime della Strada – ODV
sede di Aversa e dell’agro aversano
Biagio Ciaramella
Per contatti sede Aversa Cell.330443441
Mail:giustiziaperluigi@gmail.com
A.U.F.V, Associazione unitaria familiari e vittime ODV
A.M.C.V.S. Associazione Mamme Coraggio e Vittime Della Strada ODV
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada – ODV
www.vittimestrada.eu

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa