NewsPagina NazionalePoliticaSport

Inaccettabile chiudere le strutture sportive. Lo sport attende subito aiuti concreti

Parla il sen. Claudio Barbaro, presidente nazionale di Associazioni Sportive e Sociali Italiane (Asi)

ROMA. Le migliaia di società e gli impianti sportivi presenti nel Paese sono la vera casa dello sport che ogni giorno svolge una fondamentale azione di prevenzione per milioni di cittadini. Una categoria che non merita di essere ignorata e sbeffeggiata. Non accettiamo e non accetteremo di essere considerati secondari.

Dopo la chiusura delle palestre, piscine e centri sportivi, attendiamo ora provvedimenti concreti e non parcellizzati e inadeguati.

Chiediamo un fermo e immediato atto a tutela del sistema associazionistico sportivo da parte del Ministro Spadafora. Auspichiamo si possa tradurre immediatamente in un atto concreto, e che nei decreti di prossima pubblicazione ci siano interventi strutturali concreti come copertura di Stato per utenze e altre insostenibili spese strutturali per le associazioni e società sportive e sostegni che tengano conto dei sacrifici già sostenuti.

Quel che emerge dall’ultimo decreto è che è ancora una volta lo sport a pagare. Siamo di fronte a una chiusura che doveva assolutamente essere evitata.

A ciò si aggiunga che i nostri governanti ben sapevano che si sarebbe potuti arrivare a una decisione di questo tipo che non è stata accompagnata da provvedimenti di sostegno immediati.

Ci domandiamo: perché non hanno programmato per tempo?

Il Mondo delle palestre, delle piscine e dei circoli sportivi, già duramente provato dal periodo di lockdown, ha investito pesantemente su sanificazioni e infrastrutture, per adeguare i propri centri alle linee guida dettate dal Governo che, una settimana fa ha minacciato nuove e più gravose chiusure (“daremo una settimana di tempo per adeguarsi ai protocolli di sicurezza”). Ora, il colpo finale – che mostra l’incoerenza di questo Governo – a strutture che, dai controlli effettuati, non avevano mostrato irregolarità.

Lo sport viene trattato nel DPCM come attività non essenziale e, in qualche modo pericolosa, quando questa, invece, produce oltre a importanti economie anche benessere e salute.

A pagare è lo sport. E, con lo sport, i cittadini italiani.

Così il sen. Claudio Barbaro (componente della Commissione Cultura a Palazzo Madama) e presidente nazionale di Associazioni Sportive e Sociali Italiane (Asi).

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.