• Mer. Ago 17th, 2022

Intercultura: la scuola non si ferma, anche nell’accoglienza di studenti dal mondo

Parte la campagna di ricerca famiglie per accogliere uno studente straniero nel territorio di Sessa Aurunca

L’impennata dei casi di Covid di questo inverno sembra averci portati di nuovo alla casella di partenza. Nonostante ciò, la scuola non si è fermata: assieme a insegnanti, genitori, studenti, ha saputo rigenerarsi, trovando nuovi modi di comunicare e di adattarsi a una realtà in continua evoluzione.

Le famiglie e le scuole della zona di Sessa Aurunca stanno dimostrando di avere questa capacità di guardare oltre l’emergenza anche aprendo le proprie porte al mondo. Gesti individuali di coscienza civile che, sommati tra loro, contribuiscono a costruire ponti di dialogo tra i popoli in un momento in cui il mondo costruisce e impone muri – anche fisici – tra le frontiere.

Sono arrivati tra settembre e gennaio, hanno conosciuto la famiglia locale che li ospiterà per un anno e, con l’aiuto dei volontari di Sessa Aurunca, saranno inseriti nelle scuole del territorio.

Pan, Ludmila, Gabriel e Juan fanno parte di un gruppo di quasi 500 adolescenti arrivati tra settembre e fine gennaio nel nostro Paese da tutto il mondo e sono pieni di energie e buoni propositi, come esprime Juan, appena arrivato dal Cile e ospitato a Cellole: “Durante il mio anno con Intercultura vorrei imparare l’italiano, conoscere nuovi amici e crescere come persona”.

Le migliaia di famiglie e di scuole che in questi 65 anni di vita di Intercultura hanno vissuto un’esperienza di ospitalità possono confermare che accogliere uno studente di un altro Paese è un modo di rigenerarsi come genitori per dare nuova linfa alla famiglia. È una conseguenza naturale: l’energia del nuovo arrivato riempie la vita e il cuore di chi lo accoglie, non solo la sua casa o l’aula scolastica.

Ospitare uno studente dall’estero con Intercultura è un’esperienza che dura nel tempo. Il ragazzo o la ragazza che varca la soglia di casa da sconosciuto, diventa presto un figlio, un amico e lo sarà per sempre. Nella vita di tutti i giorni non mancheranno punti di vista diversi, come succede tra adulti e adolescenti, da superare insieme. Ospitare significa scoprire nuovi valori affettivi e nuove conoscenze delle culture del mondo: la ricetta ideale per arricchire per sempre la famiglia o il gruppo classe. Lo sa bene Isabella, volontaria Intercultura e sorella ospitante di Pan dalla Thailandia: “Questa esperienza apre la mente poiché nulla si dà più per scontato. Le differenze culturali tra Italia e Thailandia ci fanno riflettere sui nostri modi di essere e di fare. Ci chiediamo il perché delle cose, ed è un dialogo quotidiano. La parte più bella della giornata è quando ci sediamo a tavola per mangiare tutti insieme: è uno scambio continuo”.

Diventare una famiglia ospitante è facile. Certo non lo è altrettanto trovare il coraggio e i motivi per cui vale la pena accogliere uno studente. I volontari di Sessa Aurunca di Intercultura sono a disposizione delle famiglie e delle scuole del territorio per fornire tutte le informazioni, nella persona di Valentina Salvino, responsabile dei programmi di ospitalità, al numero 346 843 6214

L’Associazione Intercultura Onlus (www.intercultura.it) Intercultura è un’Associazione di volontariato senza scopo di lucro, fondata in Italia nel 1955, eretta in Ente Morale posto sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri e riconosciuta con decreto dal Presidente della Repubblica (DPR n. 578/1985). L’Associazione è gestita e amministrata da migliaia di volontari, che hanno scelto di operare nel settore educativo e scolastico, per sensibilizzarlo alla dimensione internazionale. È presente in 159 città italiane ed in 65 Paesi di tutti i continenti, attraverso la sua affiliazione all’AFS ed all’EFIL. Ha statuto consultivo all’UNESCO e al Consiglio d’Europa e collabora ad alcuni progetti dell’Unione Europea. Ha rapporti con i nostri Ministeri degli Esteri e dell’Istruzione, Università e Ricerca. A Intercultura sono stati assegnati il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio e il Premio della Solidarietà della Fondazione Italiana per il Volontariato per l’attività in favore della pace e della conoscenza fra i popoli. L’Associazione promuove, organizza e finanzia scambi ed esperienze interculturali, inviando ogni anno centinaia di ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all’estero ed accogliendo nel nostro paese altrettanti giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali. Tutto questo per favorire l’incontro e il dialogo tra persone  di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo.

INTERCULTURA- Ufficio Stampa Corso Magenta 56, 20123 Milano. Tel. 02 48513586 – www.intercultura.it

Anna Gomarasca  anna.gomarasca@intercultura.it            335 688 2623

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa