• Gio. Ott 21st, 2021

Isernia. “Caporalato”, vasta operazione dei Carabinieri: denunciati 29 imprenditori

DiThomas Scalera

Mag 30, 2017

ISERNIA. Nel corso di una vasta operazione condotta in provincia di Isernia, per contrastare il triste fenomeno del “caporalato” e dello sfruttamento dei lavoratori a nero, spesso costretti a turni di lavoro massacranti, non adeguatamente retribuiti e ridotti quasi in uno stato di schiavitù, ventinove persone per lo più titolari di imprese nei settori edile, agricolo e commerciale sono stati denunciati alle competenti Autorità Giudiziarie e Amministrative. L’attività predisposta dal Comando Interregionale Carabinieri “OGADEN” di Napoli, ha visto l’impiego di tutte le Stazioni, dei Nuclei Operativi e Radiomobile, del Nucleo Investigativo provinciale e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Isernia. I reati contestati alle persone denunciate vanno dalla intermediazione illegale allo sfruttamento lavorativo, fino alle violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro. In un caso, tre persone responsabili di un’impresa agricola, pagavano gli operai la misera somma di venti euro per quattordici ore lavorative nei campi, mentre in un altro caso altre tre persone responsabili di una struttura di accoglienza per profughi, sfruttavano gli extracomunitari ospiti, in lavori di edilizia privata, con remunerazioni irrisorie. Questi alcuni degli scenari riscontrati dai Carabinieri durante le operazioni di monitoraggio sul fenomeno. Dall’inizio dell’anno sono complessivamente novanta le persone denunciate in operazioni dell’Arma dei Carabinieri in provincia di Isernia a tutela dei lavoratori, ottantadue le attività imprenditoriali in cui sono state riscontrate irregolarità,cinquanta i lavoratori a nero segnalati e di oltre mezzo milione di euro il valore complessivo delle sanzioni contestate durante i controlli.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru