Ven. Mag 29th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Isernia. Carabinieri forestali: conclusi i controlli di polizia venatoria

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

I carabinieri forestali di Isernia hanno concluso una vasta operazione

Continuano le attività di contrasto al bracconaggio

ISERNIA. Malgrado dalla chiusura della stagione venatoria 2018/19 siano passati già alcuni mesi, i carabinieri forestali di Isernia hanno concluso in questi giorni una importante e vasta attività di polizia amministrativa nel settore.

I militari hanno acquisito presso gli Enti competenti tutti i rapporti per l’esame trichinoscopico con riferimento ai capi di cinghiale abbattuti, ma anche tutti i carnieri e i tesserini venatori dei cacciatori autorizzati per la provincia di Isernia. Il controllo documentale è stato lungo e laborioso e ha portato a risultati di pienissima soddisfazione, che hanno evidenziato come la stragrande maggioranza dei cacciatori sia stata rispettosa delle regole sebbene i sanzionamenti pecuniari siano stati oltre la cinquantina per un importo complessivo che ha superato i diecimila euro.

Il contrasto al bracconaggio venatorio rappresenta un ambito operativo di primo piano per i Carabinieri forestali della provincia di Isernia, caratterizzata da un patrimonio faunistico di pregio, che vede la presenza di numerose specie animali tutelate in maniera rigorosa come l’orso bruno marsicano e il lupo.

Dal Comando Gruppo di Isernia fanno sapere che è stato e sarà fatto ogni possibile sforzo per contrastare i pochi cacciatori disonesti che, oltre a rappresentare una minaccia per la fauna selvatica, mettono a repentaglio l’onorabilità di una intera categoria.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close