• Mer. Mag 18th, 2022

Isernia. Spaccio di sostanze stupefacenti: arrestato un giovane

Continuano i controlli antidroga dei Carabinieri

ISERNIA. Proseguono i controlli serrati dell’Arma dei Carabinieri per contrastare il fenomeno della droga ad Isernia, mettendo in azione una mirata attività di controllo. I Carabinieri della Compagnia di Isernia, dopo i risultati di assoluto rilievo che hanno portato all’arresto di un uomo che aveva realizzato in casa un laboratorio artigianale per la lavorazione della marijuana, nella giornata di ieri hanno messo a segno un’altro colpo. In particolare i militari dell’Arma hanno arrestato un giovane isernino di 20 anni per detenzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Nel corso dell’attività di polizia giudiziaria, a seguito di una perquisizione domiciliare venivano rivenuti e sequestrati circa 53 grammi di marijuana pronti per essere messi sul mercato isernino, la somma di 70 euro in danaro contante in banconote di vario taglio, provento dello spaccio, un telefono cellulare ed un bilancino di precisione.

Il prevenuto dopo le formalità di rito, dichiarato in stato di arresto, successivamente veniva sottoposto alla misura cautelare personale degli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Marijuana

La marijuana è una sostanza psicoattiva che si ottiene dalle infiorescenze essiccate delle piante femminili di canapa (Cannabis). In tutte le varietà di canapa sono contenute, in concentrazioni e proporzioni variabili, diverse sostanze psicoattive, stupefacenti e non, tra cui la principale è il delta-9-tetraidrocannabinolo (comunemente detto THC), che rendono la pianta illegale in molti paesi. Esistono tuttavia varietà coltivabili legalmente, per le quali il limite a questo contenuto viene fissato per legge.

Le piante di cannabis sono dioiche, cioè posseggono due generi: femmina e maschio. Nell’uso che si fa della cannabis a scopo esclusivamente produttivo, i maschi di una varietà vengono usati per essere incrociati con femmine di altre varietà, così generando, dai semi della femmina incrociata, una nuova varietà differente da entrambe le piante genitrici. Ogni varietà di cannabi produce principi attivi in diverse quantità rispetto alle altre: un esempio sono la Haze o la Kush.

Esistono tre grandi varietà di Cannabis e, di conseguenza, di marijuana: sativa, indica e ruderalis, che si differenziano sia per le dimensioni delle piante, sia per le concentrazioni di principi attivi e, dunque, anche per gli effetti indotti dai loro rispettivi derivati. Il materiale vegetale o i preparati a base di cannabis che contengono, in misura apprezzabile, sostanze psicoattive sono considerate “droghe leggere”, cioè sostanze psicotrope incapaci di creare dipendenza.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale