• Sab. Ott 16th, 2021

Iside all’ ARCOS di Benevento, “la Grande Bruttezza”

DiThomas Scalera

Mar 6, 2014

Iside: una dea sterile all’arcos di Benevento

di Stella Grieco

All’Arcos, il museo di arte contemporanea del Sannio, è stata protratta fino al 16 marzo la mostra “Iside Contemporanea” curata da Ferdinando Creta, che affianca l’esposizione permanente “Iside la scandalosa e la magnifica – Viaggio nel mito tra reale e virtuale”.

Il progetto permanente nasce dal ritrovamento nel santuario beneventano, dedicato alla dea Iside, di alcuni resti egizi databili tra 88 e 89 d.C. testimoniando un unicum fuori dall’Egitto. Rinvenimenti così notevoli hanno creato l’espediente per l’ideazione di un percorso interattivo. E qui iniziano le note dolenti. I reperti ritrovati fanno da contorno a una “scandalosa” proiezione in 3D in cui la dea/attrice spettacolarizza qualsiasi simbolismo.

Nella sezione temporanea la dea diventa strumento speculativo sul concetto di donna. Le opere, realizzate da sole donne, propongono un connubio tra antico e moderno, un tentativo di affermare i canoni armonici della femminilità molto spesso in conflitto con l’odierno prototipo di bellezza ingannevole.

Il museo appare mortificato da tale apparato divulgativo, non è educativo mettere da parte l’archeologia materiale per dare sfogo a un bisogno di protagonismo. Purtroppo le istituzioni hanno promosso ancora una volta la diseducazione e la disinformazione come fondamento di cultura. Consiglio di andare ad osservare ciò che è stato prodotto, perché prendere coscienza della strada intrapresa potrebbe significare una svolta nel prossimo futuro.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru