Dom. Mar 29th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Kamikaze a Kabul: almeno 40 morti, molte donne e bambini

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Alba di sangue in Afghanistan. Dopo la notizia di una mina che nella serata di ieri ha fatto perdere la vita ad almeno 6 bambini che stavano “lavorando” portando al pascolo animali, nella provincia settentrionale afghana di Balkh, filtra la notizia di un ennesimo attentato kamikaze a Kabul. Sarebbero almeno 40 i morti accertati, tutti civili, in seguito all’attentato alla sede del Tabian Media Center, dove risiedono gli uffici stampa della “Sadai afgan”, la “Voce afghana”. È il ministero a renderlo noto tramite il portavoce del ministro degli Interni che ha dettato anche la conta del provvisorio bilancio di vittime, dopo aver ricevuto i tristi dati numerici dall’ospedale Istiqlal, istituto ospedaliero principale della capitale. A capo dell’organo di stampa c’è una organizzazione culturale gestita da un religioso sciita, ma da parte loro i talebani hanno subito escluso una loro partecipazione all’evento suicida. Ulteriori notizie riguardo Ava News Agency (l’altro nome con cui è conosciuta l’agenzia di stampa afghana n.d.r.) arrivano dallo stesso portavoce Nasrat Rahimi che ha indicato come “dopo l’attacco suicida contro l’agenzia di stampa ci sono state altre 2 esplosioni, col risultato di 40 morti e 30 feriti”. Il direttore dell’agenzia Sayed Hasan, ha invece sottolineato che al momento dell’attentato nei locali dell’agenzia “era in corso una riunione di studenti”. Ecco perché, così come annunciato dalla tv Tolo, “oltre ai giornalisti, fra le vittime vi sono anche donne e bambini”. Tornando alla notizia di apertura dell’articolo, mentre scriviamo giunge la notizia che il governatore del distretto di Balkh Mohammad Karim, seppur senza notizie di rivendicazioni ufficiali, sarebbe propenso a considerare verosimile il coinvolgimento dei talebani nell’installazione delle infami mine che hanno fatto perdere la vita ai sei pastorelli di età compresa tra gli 8 e 10 anni. Secondo Karim i talebani volevano colpire con le mine i funzionari e le forze di sicurezza afghane. A chiosa di tutto un dato statistico importante: l’Afghanistan ha il più alto numero di vittime di mine al mondo, che sommate a quelle delle bombe piazzate sui cigli delle strade, uccidono o feriscono 140 persone in media ogni mese.

Olio Santo per atti sessuali; arrestato “Don” Pio Guidolin

Storie di violenza!

Madre uccide i suoi figli di 5 e 2 anni

Open

Close