• Gio. Ott 28th, 2021

Nairobi. Aereo precipitato Ethiopian Airlines, deceduti tutti i 157 passeggeri: morti 8 italiani

Gli italiani morti erano impegnati in missioni umanitarie

NAIROBI- Un vero disastro aereo quello accaduto ieri 10 marzo. Un Boeing 737 dell’Ethiopian Airlines si è completamente schiantato dopo il decollo iniziale causando purtroppo la morte di tutte le 157 persone a bordo, tra le quali 8 italiani. Numerose le persone di altre nazionalità morte. L’aereo, era partito da Addis Abeba, per arrivare a Nairobi, in Kenia. Gli italiani morti erano impegnati in varie missioni umanitarie per aiutare il prossimo in Kenia. Tra le otto persone morte vi era anche l’assessore ai Beni culturali della Sicilia Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale. Tre membri componenti della ong bergamasca Africa Tremila: il presidente Carlo Spini, 75 anni, originario di Sansepolcro (Arezzo) e residente a Pistoia; sua moglie, infermiera, Gabriella Vigiani e il tesoriere della onlus Matteo Ravasio.   Ancora Paolo Dieci, residente a Roma, presidente della ong Cisp e rete LinK 2007; le giovanissime Virginia Chimenti, funzionaria del World Food Programme dell’Onu, Rosemary Mumbi e Maria Pilar Buzzetti. L’ Italia purtroppo paga un caro prezzo. La compagnia in seguito al disastro aereo, ha sospeso tutti i suoi voli, ma soprattutto ha dato mandato ai suoi tecnici di effettuare i controlli sugli aerei di linea.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru