• Lun. Ott 18th, 2021

Inaugurato un bellissimo dipinto su tela realizzato dall’artista Giancarlo Offreda

“Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente, misteriosa mafia svanirà come un incubo”.

Molto sentita e partecipata la commemorazione del 29° anniversario della Strage di Via D’Amelio svoltasi ad Alife, in cui si è ricordato il sacrificio del Giudice Paolo Borsellino, Giovanni Falcone e delle vittime delle due scorte che persero la vita nelle due efferate stragi. 

La serata egregiamente moderata dai prof. Gino Ponsillo e prof.ssa Monica Pacelli, soci del Movimento per la Pace e la Salvaguardia del Creato III Millennio della provincia, presieduto da Agnese Ginocchio, Ente promotore dell’evento, si è aperta con la staffetta della Fiaccola della Pace e della memoria, partita da P. Napoli davanti al monumento della Pace sito in Villa comunale, alla quale ha preso parte una rappresentanza di atleti, podisti, bikers ed escursionisti, fra cui: Antonio Alfano, Gianni D’Amato, Franco De Cristofaro ( delegato di “Matese Bike Team” che ha aderito alla manifestazione); Raffaele Ginocchio e Domenico Leonetti, il gruppo Agesci Scout Matese con i capi guida Carlo Virelli e Amalia Lombardi, ed alcuni giiovanissimi della Fiaccola della Pace: Alexandra e Mario Carlone ( di AIlano) e Benedetta Porceddu ( di Alife), che insieme agli scout hanno declamato alcune riflessioni lungo le soste del percorso che ha interessato il centro storico del paese, per giungere fino a Via Volturno davanti all’Albero della Pace e all’Albero di magnolia dedicato ai giudici Borsellino e Falcone, dove qui è iniziata la serata che ha visto l’inaugurazione, alla presenza delle Istituzioni presenti capeggiate dal Sindaco di Alife Maria Luisa Di Tommaso che ha fatto gli onori di casa, del delegato del Sindaco di Ailano Ammamaria Pina Di Fiore, del delegato del Sindaco di Telese Marilia Alfano, del Questore di Isernia Nicola D’Aniello, del delegato della Comunità Montana del Matese e Consigliere comunale di Alife Luigi Zazzarino, della Sign.ra Cassella Raffaela, zia di Antonio Sottile finanziere (Alife); del delegato del Comune di Dragoni Angelo Santoro ( venuto solo per portare un saluto, dei rappresentanti Scout, degli atleti che hanno portato la fiaccola, del Movimento per la Pace, dei Dirigenti scolastici presenti: Mario Grillo ( I.C. di AIlano), Assunta Adriana Roviello ( I.C. di Calvi Risorta), Clotilde Riccitelli ( I.P.S.E.O.A. di Piedimonte Matese), di Fabio De Gemmis ( rappresentante provinciale di Libera contro le mafie), del Circolo Ricreativo della 3a età e di tutti i partecipanti, di un bellissimo dipinto su tela dedicato a Paolo Borsellino e alla Strage di Via D’Amelio realizzato dall’artista locale Giancerlo Offreda, con un pensiero dedicato inoltre a Emanuela Loi, prima donna della Polizia a cadere come vittima. Una copia del dipinto su locandina è stata portata a Palermo dal rappresentante casertano del “Movimento Agende Rosse” Mimmo Marzaioli per deporlo sotto l’Albero della Pace dedicato a P. Borsellino in Via D’Amelio.
“La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”. Questo è stato il pensiero unico emerso dalle riflessioni che si sono susseguite da parte di tutti i partecipanti e delle Istituzioni che hanno preso parte alla serata della Maratona “No Stop” di letture dedicata a Paolo Borsellino. “Il ruolo della scuola è determinante e deve andare al di la delle competenze delle materie, il giovane deve essere educato all’esercizio della memoria, essere formato alla coscienza civile, ai valori della solidarietà, dell’impegno, della legalità, del rispetto e della Pace, valori sui quali si può costruire una società fondata sulla giustizia”. Hanno ricordato i dirigenti scolastici Mario Grillo e Assunta Adriana Roviello, che nella loro scuola hanno dato ampio spazio a queste tematiche ospitando tanti testimoni di legalità, fra cui Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni.
“Onorare la memoria di due grandi uomini, Falcone e Borsellino e di tutte le vittime innocenrti delle mafie, è nostro dovere”, ha ricordato la delegata del Comune di Ailano Di Fiore. “Dobbiamo impegnarci ogni giorno nell’affermazione dei valori della Pace, ed augurarci un mondo senza più guerre, senza più bambini uccisi da lotte assurde”, ha ricordato Marilia Alfano. delegata del Comune di Telese Terme. Il Sindaco di Alife, nel’esprimere profonda riconoscenza per la manifestazione e per il sacrificio di questi valorosi uomini ha lanciato un forte messaggio alla comunità, esortandola ad essere più attenta e più rispettosa dei Beni Comuni, e di custodire il sacrosanto valore della Pace, tanto necessario per l’equilibrio sociale del nostro territorio.
“Le mafie, cesseranno di esistere se ognuno farà la propria parte scendendo in campo, il silenzio diventa complice quando l’ingiustizia, l’illegalità e le camorre dei comportamenti si insediano nei nostri territori. Le istituzioni hanno il dovere di vigilare”. Ha ricordato il rappresentante di Libera De Gemmis. Una serata ricca di contenuti dove sono state declamate letture di testimoni fra cui: Italo Calvino, Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, Gandhi, Madre Teresa, Anna Frank. Alla maratona di letture hanno partecipato; Carlo Pastore, il quale a nome dell’Associazione Storica del Medio Volturno presieduta dal Dott. Pasquale Simonelli, ha fatto dono di una targa che verrà affissa sotto l’albero dedicato ai Giudici Falcone e Borsellino, il giovanissimi fratelli Bellagamba Lorenzo e Simone, alunni del 1° anno di Liceo scientifico e di scuola secondaria di 1° grado residenti a Milano; Flavia e Pasquale Aceto alunni della scuola primaria e secondaria di 1° grado di Alife; Concetta Leone ( vol. Albero della Pace Piedimonte Matese); Nausica Guglielmo (Prof. Università Cassino di Calvi Risorta), Mariella Anna D’Aniello ( neo laureata di Alife); Paola Di Muccio (Alife); Valletta Viviana (Associazione Libera Caserta); Del Canto Silvia (Associazione Libera Casaluce); Zulla Anna (Associazione Papa Francesco Piedimonte Matese); Franco Panella (CAI P. Matese); Carlo Virelli (Agesci Matese).
Altre presenze alla manifestazione; Teo De Silvio ( che ha effettuato alcune riprese), Sig,ra Civitillo Caterina (San Potito Sannitico); Sign.ra Rossi Teresa (Piemonte Matese); Prof. Fernando Ginocchio, che ha rappresentanto anche il Dott. Ennio Antonio Isabella (Alife), prof.ssa Cristina Sasso (Alife), sign.Giuseppe Sasso (Alife), Ponsillo Costantino (Alvignano); Savastano Massimo (CAI Piemonte Matese); Sign.ra Di Marco Emma (Piemonte Matese-S. Potito Sannitico); D’Ovidio Nicola (ex Sindaco di Riardo); Leone Michela (vol. Albero della Pace Piedimonte Matese); Petronilla Colucci
( volontaria Albero della Pace e Titolare “Magia dei Fiori” P. Matese); Dott.sa Nunzia De Nisio ( volontatia Albero della Pace P. Matese); Prof. Umberto De Martinis (Raviscanina); Dott.ssa Mariagioia Tomassetti (Comitato Civico Raviscanina); Sign.ra Di Caprio Roberta (Alife); Ing. Pietro Cornelio (Alife); Iovaro Damiana (Ailano); Antonella Palumbo (Protezione Civile AIlano), prof.ssa Maria Rao (Alife); Sign.ra Di Caprio Carmela (consorte del Maresciallo Giovanni Aceto); docenti di primaria Sasso Alfonsina e Biondi Maria Pia (Alife); Dott. De Sisto Lelio (Presidente Premio Letterario Olmo Raviscanina); Montalbano Francesco (Circolo Ricreativo della terza età di Alife, che ha aderito all’evento con i soci: Farina Francesco, Riccio Francesco, Offreda Tommaso, Muccio Vincenzo, Greco Concettina, Fappiano Augusto, Gaetani Giuseppe, Ridolfi Cesare). Sign.ra Emanuela Mercadante, studentessa Maria De Cristofaro e Andrea Pioltini ( Movimento per la Pace), per il reportage foto.
L’evento è stato patrocinato dal Comune di Alife. SI ringrazia “Apicoltura Giovanni Cornelio Alife”, per aver donato una pietra decorativa in onore di Paolo Borsellino e l’inviato Antonio Del Riccio, di “Media TV” per le riprese della evento.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa