Mer. Ott 23rd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

La “frolla classica” di Berlusconi

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Forni chiusi per questo fine settimana, si apriranno, forse per l’ultima volta, lunedì. Mattarellum è pronto all’ultima fatica di Rocco, mentre cercherà di tener duro nel confronto con le varie parti ancora convinte di poter governare e di essere vincitrici delle ultime fake-elezioni. Ce la farà? Viagra docet! Ma mentre nonno Blink 182 (alias Berlusconi) teme una prestazione del presidente della Repubblica che possa essere superiore alle sue ad Arcore, Salvini insiste nel voler avere il pre-incarico (anche se da fonti certe sappiamo non sappia cosa vuol dire, né soprattutto cosa farebbe nel caso lo ottenesse, né se esista in realtà una cosa del genere, degenere). Renzi invece è soddisfatto di aver fatto saltare in aria l’accordo col movimento 5 stelle, un po’ come Riina lo fu per le stragi a Borsellino e Falcone, ma un po’ meno in verità. Martina si narra non giunga a mattina. Mentre l’unico ad avere ancora qualche reale chance di poter vestire i panni di leader di una “coalizione di scopo che non gioca a scopa né a scopone” rimane Paolo “gentilmente” Gentiloni, che leader lo è già dall’ex governo, che è poi il governo attuale. Boh… mi sono perso! Ad ogni modo, ora più che capire quale dei 2,3,4 o 5 forni poter mettere in funzione, sembra che la priorità sia quella di decidere cosa poter mettere in uno qualsiasi di questi forni. Chissà che, alla fine dell’inizio (o all’inizio della fine), non si risolva tutto con l’infornare una “bona” frolla classica, senza Salvini, perdon, senza canditi, né candidati eletti. Buon week-end. Aggiornamenti a lunedì, quando Berlusconi giurerà da Presidente del Consiglio dei sinistri. Ma da destra. Dove è atteso da suo figlio illegittimamente legittimo, Matteo (Renzi).

Abu Mazen e le presunte frasi “negazioniste”

Satira Laterale

Potrebbe interessarti

Open