Lun. Giu 1st, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

La mafia è entrata nella partita Expo, undici arresti a Milano

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

d2a82f6b1cec9fb948374adfd5dd1859-250-kmPH-U108011215780260rE-1024x576@LaStampa.it

Tra loro anche un avvocato, sarebbero i terminali di aziende infiltrate a cui erano stati affidati appalti

FABIO POLETTI
MILANO

La mafia aveva messo le mani su Expo. Quello che era solo un timore è diventato realtà stamattina quando la Guardia di Finanza ha iniziato a eseguire 11 arresti di cui 4 ai domiciliari, su richiesta dei magistrati milanesi antimafia Sara Ombra e Paolo Storari, coordinati dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini. Le accuse vanno dall’associazione a delinquere finalizzata a favorire gli interessi di Cosa Nostra, in particolare la famiglia Pietrapersa di Enna, a riciclaggio e frode fiscale.

Gli uomini del Gico della Finanza hanno sequestrato pure alcuni milioni di euro, una goccia dei 20 milioni di euro elargiti in 3 anni dall’Ente Fiera al consorzio Dominus controllato dalla società Nolostand. In manette è finito pure l’avvocato Danilo Tipo di Caltanissetta, fino a pochi mesi fa presidente della Camera Penale nissena.

Importanti i lavori sul Decumano di Expo finti nel mirino degli investigatori. Dalla costruzione dei padiglioni di Francia e Kuwait a quelli di Guinea, dello sponsor Birra Poretti, del Palazzo Congressi e dell’Auditorium. Non risultano indagati nè responsabilità penali all’Ente Fiera nè alla società di gestione Expo 2015. Ma i magistrati sono particolarmente puntigliosi nel sottolineare che nella gestione degli appalti da parte degli enti pubblici c’è stata una «censurabile sottovalutazione» e «nessuna riflessione su alcune evidenti anomalie».

«L’operazione di oggi è molto importante perché ancora una volta dimostra una stretta interconnessione tra organizzazioni criminali mafiose e criminalità economica», ha commentato il procuratore della Repubblica di Milano, Francesco Greco. L’indagine, ha spiegato il procuratore aggiunto e coordinatore della Dda milanese Ilda Boccassini, «è importante» in quanto questa volta «segnala» in Lombardia non «le infiltrazioni della ’ndrangheta, ma di Cosa Nostra».

Fonte: La Stampa

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close