• Mar. Ott 26th, 2021

La mia voce (Oscar Wilde)

DiThomas Scalera

Gen 13, 2015

conchiglia

La mia voce (Oscar Wilde)

In questo irrequieto mondo d’oggi, affannoso,

Godemmo ogni piacere del cuore, io e Te: le bianche

Vele della nostra nave ora sono ammainate,

Vuota la stiva d’ogni suo tesoro.

Pallide le mie guance per ciò fatte,

Anzi tempo, sommersa ogni lietezza nel pianto,

Dalle mie labbra svanito per dolore il vermiglio

E già la Morte richiude le cortine del mio letto.

Ma questa vita così folta è stata

Per te non altro che lira o liuto

O fascino sottile di viole, o l’eco della musica del mare

Addormentato dentro la conchiglia.

Il commento a volte deve cedere il passo alle sensazioni vissute da chi scrive, alla mano che traccia l’inchiostro su foglio, alle parole che prendono vita e reclamano spazio.

Commentare non è sempre facile soprattutto quando la poesia di per sé lascia a bocca vuota, spalancata nello stupore della completezza.

È un silenzio che si concentra nell’incorporazione di quelle parole che sfiorano l’assuefazione dei neuroni.

Le sinapsi lasciano spazio ai brividi quando ciò che leggi marca le linee di una parte di te, presente o passata.

Ci sono argomenti che tutti sviscerano sulla propria pelle prima o poi. Il dolore è un sentimento universale e imprescindibile, non per questo assolutamente ostile e macabro, perché è bene ricordare che – Oriana Fallaci docet – “chi ama soffre, chi soffre lotta, chi lotta vince”.

È un silenzio che trova l’apice della propria meraviglia nell’affascinante splendore dell’ultimo pezzo che sbaraglia via tutte le ultime parole dalla propria mente:

Ma questa vita così folta è stata

Per te non altro che lira o liuto

O fascino sottile di viole, o l’eco della musica del mare

Addormentato dentro la conchiglia.

Frammenti di arte assoluta. Gocce di genio. Chapeau.

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru