• Mar. Ott 19th, 2021

La mostra ‘Contaminazioni’ protagonista nel Casino dei duchi Carafa di Maddaloni

DiThomas Scalera

Lug 17, 2013

“Immagina di sentirti deluso dalla vita di superficie. Immagina di essere stanco della corruzione, degli scempi al paesaggio, della violenza che attenta alla bellezza. Immagina di preferire a tutto questo la più assoluta solitudine e di cercare una sorta di uscita d’emergenza dalla vita ritirandoti nel ventre materno della terra”.

Da qui parte il monologo “Dal Sottosuolo”, scritto e diretto da Vincenzo Mazzarella, già autore di numerosi testi teatrali, premiato al Festival Nazionale di Teatro Brillante di Vico Equense e alla Rassegna Nazionale di Teatro di Airola. Lo spettacolo, interpretato da Paolo Mazzarella con musiche originali di Saverio D’Andrea, violino di Vittorio Sbordone e racconto cinematografico di Simone Disegni, sarà rappresentato a Maddaloni nello splendido Casino dei duchi Carafa venerdì 26 luglio alle ore 20:30, nell’ambito della manifestazione “Contaminazioni”, organizzata dalla Soprintendenza per i beni archeologici delle province di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta. Il suggestivo Palazzo che farà da cornice all’evento fu una delle residenze principali dei Carafa della Stadera, feudatari dell’intero territorio di Maddaloni. Da masseria fortificata fu trasformato alla fine del Seicento in elegante casino di caccia, con annessa azienda agricola e cappella dedicata a Santa Maria del Carmine. Fu completato intorno al 1710 da Carlo I Carafa, come attesta la data impressa nello stemma della volta dell’androne, e durante il regno di Carlo di Borbone ospitò spesso il sovrano durante le sue battute di caccia. Rimasto di proprietà dei Carafa fino a metà dell’Ottocento, attualmente è sede del Museo Archeologico di Calatia. Il sito accoglierà per l’evento le personali di due artisti del territorio, da tempo rifugiati nel sottosuolo della loro anima: Teresa Condito, originaria di Torre del Greco e già autrice di raffinata gioielleria, e Gerardo Del Prete, beneventano ma sannicolese d’adozione. La Condito, che ha già meritato premi prestigiosi e pubblicazioni su riviste internazionali, proporrà la sua attuale ricerca scultorea in cui motivo dominante è l’alternanza di forze opposte che convivono o che aspirano all’unità. Straordinarie le sue opere in plexiglass, una delle quali è esposta dal 2012 al Museo d’Arte Contemporanea di Caserta. Gerardo Del Prete proporrà alcune opere del suo repertorio, caratterizzato da un astrattismo gradevolissimo e materico con esiti poetici e tonali che talvolta ricordano Marc Chagall. Completeranno il suo intervento alcune specifiche istallazioni dedicate al viaggio, tema dominante e filo conduttore di una manifestazione in cui storia, mito, letteratura, arte, musica, teatro, gastronomia si esprimeranno ciascuno nel proprio linguaggio fino a mescolarsi, svelando le affinità e le trame che celebrano l’umanità, il suo senso, il suo movimento.

@noi.caserta.it

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru