• Lun. Ott 25th, 2021

Latina. Pirata della strada di Sezze, uccise una donna: fermato un giovane

DiThomas Scalera

Gen 26, 2017


SEZZE. I carabinieri del Comando Provinciale di Latina hanno dato esecuzione a tre provvedimenti di misura cautelare per il caso del pirata della strada che investì una anziana. I fatti risalgono 12 novembre 2015, quando un’auto a Sezza investì una anziana di 86 anni dandosi poi alla fuga e omettendo il soccorso. L’anziana, Addolorata De Benedictis, veniva ricoverata d’urgenza a Latina ma a causa delle gravi lesioni riportare durante la notte perse la vita.
Il fatto suscitò molto scalpore e il caso si presentava molto delicato a causa degli scarsi indizi. Finalmente le indagini hanno consentito di ricostruire quanto accadde quella notte e di trovare il presunto colpevole. Secondo la ricostruzione dei fatti Mauro Leggeri, di 27 anni di Sezza, quel pomeriggio percorreva le strade di Sezze a forte velocità con una Fiat bianca senza assicurazione di proprietà della madre. L’uomo avrebbe investito la donna che stava rincasando in casa e quindi si diede alla fuga.
Favorito da alcuni conoscenti Leggeri si sarebbe disfatto dell’autovettura. In particolare le indagini hanno rilevato che la compagna del Leggeri, A.T., sarebbe stata a conoscenza dei fatti e si sarebbe attivata per trovare persone per testimoniare il falso in modo da scagionare il compagno. Inoltre R.E. di un centro raccolta veicoli di Maenza, pur conoscendo i gravi fatti avvenuti, si sarebbe adoperato per rottamare il veicolo.
Leggeri si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di omicidio con dolo eventuale e per non aver prestato soccorso. I due presunti complici sono accusati di favoreggiamento.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru