Lun. Set 16th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

L’Isis minaccia il Vaticano

2 min read

“Giovani, donne e anziani, siete tutti nel mirino delle nostre frecce e quello che sta per succedere è ancora peggio”. È così che si legge e si ascolta da una nuova infografica del Daesh. Questa volta, e non è la prima volta, sullo sfondo del messaggio fatto girare da Telegram dall’Isis, è raffigurato una minaccia al Vaticano. Un guerriero, con al collo un mitra e con al fianco un lupo bianco, viene raffigurato come immagine del videomessaggio dello stato islamico. Sullo sfondo, in lontananza ma ben visibile e distinguibile, piazza San Pietro. “Contro i lupi solitari dobbiamo essere molto forti sul terreno della prevenzione e della intelligence”, in questo ha un “punto cruciale il web, che in questi anni è stato luogo di reclutamento e radicalizzazione”, nonché di “istruzione ed emulazione”. Sono queste le parole del ministro dell’Interno Minniti Marco, secondo il quale occorre “regolare ma senza proibire”. Queste ultime parole aspettano ancora una loro chiarificazione nei fatti che si intendono attuare in seguito a tale affermazione. Inutile nasconderci dietro una falsa ipocrisia e un falso buonismo o peggio complottiamo al rovescio: tutti si aspettano da un momento all’altro un attacco terroristico in Italia. Anche se, a dirla tutta, molti vedono in questa eventualità la perdita di una base sicura per organizzarsi e di un porto di attracco sicuro per gli spostamenti di potenziali terroristi o terroristi già radicalizzati, o in fase di radicalizzazione. C’è anche chi, forte di teorie astruse per quanto non totalmente improbabili, vede nel Vaticano una sorta di “potere” al di sopra dei terroristi dell’Isis stessi, volto ad essere talmente forte da far risultare inattaccabile i propri territori. C’è poi chi, nei meandri dei complotti più improbabili, vede la mano del Vaticano stesso, oltre che degli Usa, dietro le stesse operazioni di morte del Daesh. In ogni caso, al di là di tutto, il punto essenziale è che ogni volta che succede un attacco terroristico ci sono vittime innocenti. Un po’ come succede per i bombardamenti sugli ospedali e sulle abitazioni civili in Siria, in Afghanistan o in qualsiasi parte del Medio Oriente, da parte degli Usa, delgli inglesi, dei francesi o dei russi.

Piove … !

Papa Francesco dal Kenya: “C’è corruzione anche in Vaticano”

Potrebbe interessarti

2 min read
2 min read
2 min read
2 min read
Open