• Mar. Ott 19th, 2021
(OZAN KOSE/AFP/Getty Images)
(OZAN KOSE/AFP/Getty Images)

No, anche se lo dice qualche giornale italiano, e forse una “conferma” vera potremmo non averla mai

L’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite (UNHCR), l’agenzia dell’ONU che si occupa tra le altre cose delle questioni legate ai migranti, ha detto mercoledì di essere riuscito a parlare con le 41 persone che sono sopravvissute a un naufragio in cui, secondo le loro testimonianze, sono morti in circa 500. Del naufragio si parla da lunedì 18 aprile, quando molti giornali internazionali e italiani hanno ripreso una notizia data dalla versione in arabo di BBC basata sulle testimonianze delle famiglie di alcuni dei morti e che non dava altre informazioni. Nei giorni successivi le cose sono solo parzialmente diventate più chiare: BBC è per prima riuscita a parlare con i superstiti del naufragio, ma nessuno ha ottenuto ancora informazioni certe sulle sue reali dimensioni. Le testimonianze dei sopravvissuti sono ancora ora tutto quello che sappiamo.
Nel comunicato dell’UNHCR si dice esplicitamente che la notizia delle dimensioni del naufragio non è stata confermata e che se lo fosse allora si potrebbe parlare del peggior naufragio degli ultimi 12 mesi. Diversi giornali italiani hanno scritto invece che l’ONU avrebbe confermato il naufragio di 500 persone. L’UNHCR ha detto che c’è stato un naufragio sulla base delle testimonianze raccolte, che sono le stesse circolate inizialmente, ma non che il naufragio abbia coinvolto 500 persone: alcuni suoi funzionari hanno parlato con i 41 sopravvissuti e si sono limitati a confermare quello che già era stato raccontato aBBC qualche giorno prima.
L’UNHCR ha comunque raccolto in modo più preciso le testimonianze dei 41 migranti sopravvissuti, che ora si trovano in Grecia nella città di Calamata. 37 di loro sono uomini, tre sono donne e c’è un bambino di tre anni. Dei sopravvissuti, 23 sono somali, 11 etiopi, 6 egiziani e uno è sudanese. Queste 41 persone sono state recuperate in mare aperto a largo della Grecia da una nave mercantile, e poi sono state trasferite a Calamata con l’aiuto della Guardia costiera greca (questa parte del racconto quindi è confermata dalla Guardia costiera). I sopravvissuti hanno raccontato di aver fatto parte di un gruppo di circa 100 o 200 persone partite la settimana scorsa da una località vicino alla città di Tobruk, in Libia, su una barca di 30 metri. Dopo alcune ore di viaggio sulla prima imbarcazione, i trafficanti che gestivano il viaggio hanno fatto spostare i migranti su una seconda barca che già era in viaggio e carica, secondo le testimonianze, di centinaia di persone. La seconda barca si sarebbe poi rovesciata, affondando e causando la morte della maggior parte dei migranti a bordo: i 41 che si sono salvati erano quelli che ancora non erano passati dalla barca piccola a quella grande e i pochi che sono riusciti a nuotare fino alla barca ancora a galla, che poi potrebbe aver viaggiato incontrollata per anche tre giorni prima di essere trovata per caso dal mercantile che ha salvato i migranti a bordo il 16 aprile.
Sulle dimensioni del naufragio, dunque, non c’è ancora nessuna certezza né conferma ufficiale. Molto spesso gli incidenti in mare che coinvolgono i migranti vengono segnalati alle autorità dalle persone a bordo delle barche in difficoltà con telefonini satellitari o radio di bordo, se ci sono. Le operazioni di soccorso che vengono avviate sono quelle che permettono di salvare i migranti e, allo stesso tempo, di avere una conferma visiva del naufragio: si vedono i resti delle barche ancora a galla, per esempio, o si recuperano i corpi dei morti. Nel caso di questo naufragio, ogni conferma oggettiva che vada al di là del racconto dei superstiti è molto difficile: non si conosce con esattezza né il giorno né il luogo del naufragio, e non sono quindi possibili neanche operazioni di ricognizione.
Fonte: Il Post

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru