Mer. Set 18th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Luca Abete sbarca a Caserta, il giornalista si è recato nell’edificio scolastico della “Vanvitelli”

2 min read

CASERTA. Manca la carta igienica nelle scuola “Vanvitelli,” l’ istituto situato nella zona residenziale  167 di Caserta finisce sotto i riflettori televisivi. A mettere in risalto il problema ci ha pensato  il noto giornalista della trasmissione televisiva di Canale 5 “Striscia la Notizia” Luca Abete. Questa mattina è avvenuto il blitz della troupe televisiva fuori la scuola per evidenziare il disagio quotidiano che affrontano gli alunni. Purtroppo non è la prima volta che parliamo di gravi disagi che riguardano  il mondo scolastico, la scuola casertana attraversa una situazione critica  con la grave crisi finanziaria che ha investito l’intera edilizia scolastica di “Terra di Lavoro,”il problema purtroppo  nasce con la crisi dell’ente provinciale. Oggi  questa  problematica distrugge  ancora di più il settore della pubblica istruzione verso un tunnel senza via di uscita:oggi non ci sono soldi per dotare i bagni della “Vanvitelli” di carta igienica, i ragazzini sono costretti a portarsela da casa, più che un sorriso infonde un po’ di rabbia tra i genitori degli alunni. A far salire nuovamente agli onori della cronaca il problema delle ristrettezze economiche della scuola casertana  è la figuraccia fatta questa mattina con il blitz di Luca Abete, all’interno del’edificio scolastico. I genitori degli alunni si sono rivolti ad Abete per mettere in risalto il problema. La scuola non offre  i servizi essenziali che dovrebbero essere  offerti agli alunni ogni giorno.  Insomma, è chiaro che la crisi sta riducendo definitivamente all’osso, i fondi delle  scuole italiane. Nella parte meridionale dello stivale, le scuole non hanno nemmeno i fondi necessari  per acquistare gli elementi essenziali per l’igiene dell’ambiente, e degli  alunni. I  genitori degli studenti  sembrano davvero essersi stancati di questo genere di privazioni e, hanno dato vita ad una vera e propria polemica affermando che: “ E’ veramente una vergogna quello che sta accadendo, non c’è carta igienica, non c’è sapone, affermano amaramente i familiari dei ragazzi. I nostri figli finiranno per pulirsi con le foglie degli alberi, concludono affermando la propria delusione”.

 

Open