• Lun. Ott 25th, 2021

Luca Francesconi alla galleria Umberto Di Marino

DiThomas Scalera

Mar 19, 2014

di Stella Grieco

Luca Francesconi trova terreno fertile alla galleria napoletana Umberto Di Marino

Napoli – La galleria Umberto Di Marino ospita fino al 20 maggio la personale di Luca Francesconi, curata da Jason Hwang con il titolo “pane pane pane vino canale di scolo”.

Artista mantovano, nato alla fine degli anni ’70, vive e lavora tra Mantova e Parigi; opera nell’ambito della scultura come costruzione, caratterizzata da diversi intenti espressivi, va al di là della concezione monolitica della scultura come pura forma plastica, avvalendosi spesso della tecnica dell’assemblage.

Lo spazio di genere della galleria diventa un campo agricolo, presenta un rapporto diretto con la natura attraverso la correlazione degli oggetti riportando alla memoria la storica relazione dell’uomo che coltiva ciò che lo sostiene mentre, oggi, produzione e consumo sono estranei l’una all’altro.

Le due opere nella prima sala, Farmer, non lasciano spazio all’immaginazione, ma puntano su una certa riflessione semantica del concetto primitivo di agricoltura.

Umberto di Marino2
– Farmer, 2014, ferro, stoffa – Farmer, 2014, ferro, stoffa, mungitrice

Altre opere, in piccolo formato, sono intitolate Cafone, sottolineando l’intento di un’analisi rivolta alla Campania felix.

Le opere sono collocate come lo “scorrere” di un fiume e ancora una volta, un campo,

gli oggetti sono entità materiali di cui l’artista si è servito per rappresentare idealmente un campo semantico. Francesconi ha l’intento di coinvolgere lo spettatore creandogli nuovi stimoli nella speranza di trovare nuovo terreno fertile.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru