• Dom. Ott 17th, 2021

Lucca. Figlia segregata in casa per nove anni: indagata un’infermiera

Alla giovane sarebbero state inoltre somministrate sostanze stupefacenti (oppiacei)

LUCCA. La Procura di Lucca ha messo sotto indagine un’infermiera con l’accusa di aver segregato in casa la figlia per nove anni, impedendole di vivere una vita normale e somministrandole sostanze stupefacenti (oppiacei).

Secondo la Procura la donna imponeva alla figlia allora minorenne, uno stile di vita nocivo che le ha comportato diversi problemi a livello psicofisico.

Gli investigatori sospettano che l’infermiera sia afflitta da una psicopatologia la “sindrome di Münchausen per procura”, che affligge genitori o tutori e li spinge ad arrecare un danno fisico al figlio per farlo credere malato e attirare l’attenzione su di sé.

La madre è accusata di lesioni personali aggravate da maltrattamenti in famiglia.

Dalle indagini sarebbe emerso che l’infermiera avrebbe sottratto una serie di farmaci e sostanze stupefacenti (dalla morfina fino al Codamol, il Lexotan e lo Xanax).

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale