• Lun. Ott 25th, 2021

Macerata Campania. «’A festa ‘e Sant’Antuono nel Paese della Pastellessa», il Centro Studi Historia Loci presenta il libro

DiThomas Scalera

Gen 11, 2018

MACERATA CAMPANIA. Si svolgerà a Macerata Campania la presentazione del libro “‘A festa ‘e Sant’Antuono nel Paese della Pastellessa. Sant’Antonio Abate, il 17 gennaio a Macerata Campania” redatto dal Centro Studi Historia Loci, in occasione dell’apertura dell’edizione 2018 dell’attesa Festa di Sant’Antuono. Appuntamento, quindi, venerdì 12 gennaio 2018 alle ore 17 nel Palazzo Piccirillo della Villa Comunale. La manifestazione organizzata dal Comune di Macerata Campania con l’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa, ONG accreditata UNESCO, rientra nella programmazione della Festa dedicata a Sant’Antonio Abate che animerà il “Paese della Pastellessa” dal 12 al 17 gennaio 2018 e per la quale sono attesi migliaia di visitatori.
Pasquale Capuano, Vincenzo Capuano, Mariano Fresta, don Gennaro Iodice, Andrea Massaro, Michele Antonio Piccirillo e Vincenzo Polcari sono questi gli autori del libro pubblicato da Guida Editori, il quale presenta un lavoro di ricerca iniziato nel 2010 e che dopo 8 anni vede la luce. E qui i ringraziamenti vanno tutti al Comune di Macerata Campania, amministrato dall’instancabile Stefano Antonio Cioffi, allo Stato Italiano e alla Regione Campania che con il POC Campania 2014-2020 hanno cofinanziato la pubblicazione di questa importante opera in occasione dell’edizione 2018 della festa di Sant’Antonio Abate, che ha visto il partenariato del Comune di Macerata Campania con il Comune di Portico di Caserta per la prima volta dopo la soppressione del Comune di Casalba. Infatti, la “Festa di Sant’Antonio Abate edizione 2018” è un progetto cofinanziato dal POC Campania 2014-2020 realizzato dal Comune di Macerata Campania con il Comune di Portico di Caserta, con la collaborazione dell’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa di Macerata Campania e della Pro Loco di Portico di Caserta.
Gli “ingredienti” che compongono la pubblicazione sono la religiosità e la devozione per il Santo, le origini e la salvaguardia della tradizione, il folklore, la musica di Sant’Antuono e le Battuglie di Pastellessa, elementi questi che rappresentano l’identità del popolo maceratese e che rendono unica al mondo la festa e la musica di Sant’Antuono. Nel corso della presentazione, moderata dalla dott.ssa Maria Rita Magnotta, gli autori presenteranno il progetto di ricerca e risultati ottenuti. Completano il libro gli interventi dell’Abate don Rosario Ventriglia della Parrocchia San Martino Vescovo di Macerata Campania, dell’etnomusicologo prof. Giovanni Mocchi dell’Università di Pavia e del giornalista Luigi Ferraiuolo di Tv2000.
«Dedico personalmente questo lavoro a zio Pasquale Capuano, scomparso prematuramente nel 2010, – commenta così l’ing. Vincenzo Capuano, responsabile del progetto di ricerca – con il quale nacque l’avvincente idea di realizzare questo importante lavoro, ponendo le basi del libro che oggi abbiamo l’onore di presentare. Un caloroso ringraziamento va a tutto il team di lavoro, ma anche e soprattutto al popolo maceratese e alle Battuglie di Pastellessa, espressione genuina della comunità, che hanno il merito di aver tenuto in vita nei secoli un bene così prezioso chiamato ‘A festa ‘e Sant’Antuono».
Per maggiori informazioni vista il sito web ufficiale www.santantuono.it.

Articolo correlato:

Macerata Campania. Festa di Sant’Antuono, al via l’edizione 2018

Leggi anche:

Macerata Campania. Aveva allestito un canile abusivo in casa: denunciato

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru