• Sab. Ott 16th, 2021


MACERATA CAMPANIA. Con la celebrazione della messa mattutina l’abate don Rosario Ventriglia ha dato il via alla festa di Sant’Antuono. In tarda mattinata, l’apertura delle due mostre dedicate alla kermesse folkloristica nella chiesa abbaziale “San Martino Vescovo” e nella villa comunale. I festeggiamenti proseguiranno nella giornata di domani e si concluderanno martedì con lo spettacolo pirotecnico serale e l’esibizione delle diciotto “Battuglie di Pastellessa”. Domani è la volta della tradizionale “Notte dei carri”, in cui si potrà assistere agli ultimi preparativi e prove dei carri partecipanti a questa edizione e, al termine della celebrazione della messa pomeridiana, alla consegna del premio “Historia Loci” . Protagonisti della giornata di sabato i ritmi dei tini, botti e falci che invaderanno la cittadina del Casertano. Benedizione degli animali, del fuoco con l’accensione del cippo, seminari e giochi tradizionali, esibizioni di majorette: queste le iniziative collaterali dell’edizione 2017 della festa di “Sant’Antuono”. Nella giornata di martedì, dopo la processione, la benedizione dei carri con il successivo saluto al santo da parte del presidente dell’associazione “Sant’Antuono & Le Battuglie di Pastellessa”. Ad occupare la scena sarà poi la riffa, la vendita dei beni offerti in natura, e le tradizionali sfilate nella piazza principale con l’accensione dei fuochi pirotecnici figurati. Le sfilate delle “Battuglie” nei giorni di festa saranno protagoniste anche nelle due frazioni cittadine, Casalba e Caturano. In occasione della manifestazione è stato, tra l’altro, allestito un percorso gastronomico che consentirà a quanti accoreranno in paese di degustare le specialità locali inerenti la kermesse, tra le quali il tipico piatto della “Pastellessa”, la pasta con le castagne lesse. Pronti i bottari, entrano nel vivo i festeggiamenti di Sant’Antuono.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru