Mar. Dic 10th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Maddaloni. Razzano si candida a sindaco, le congratulazioni di Scalera

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA
Carlo Scalera
Carlo Scalera

MADDALONI. “Che a Maronn t’accumpagn” il detto più simpatico della lingua napoletana che rappresenta con felicità l’esempio più bello di un legame forte tra il napoletano e il culto religioso. Con queste parole si vuole augurare alle persone buone di essere sempre sorvegliate con accuratezza dalla protezione della Vergine Sacra. Forse la Vergine Maria ha compiuto un miracolo, cambiando radicalmente le sorti di una classe politica di centrosinistra a Maddaloni. Carlo Scalera, l’opinionista di New Radio Network, si è voluto congratulare con Giuseppe Razzano per la sua scelta di candidarsi alle primarie del Partito Democratico per la candidatura a sindaco per la città di Maddaloni. L’opinionista ha aperto il dibattito appunto con questo simpatico detto napoletano augurando il meglio per Razzano: “Che a Maronn t’accumpagn” . Scalera si complimenta per questa stupenda notizia ritenuta, inversamente proporzionale alla licenziosa stanchezza e demotivazione di una politica che oggi non riesce ad essere più brillante. L’opinionista afferma di essere colpito dalla determinazione di Giuseppe Razzano il giovane maddalonese che ha deciso di scendere in campo in questo licenzioso scenario politico maddalonese sapendo bene di essere un buon conoscitore della macchina comunale, ma soprattutto di essere pronto ad avere rapporti solidi con la Regione, ed il Governo nazionale. Giuseppe Razzano non è un politico che ha fame di potere, non ha interessi per aprirsi una brillante carriera politica. Razzano rappresenta quel giovane che oggi non smette mai di sacrificarsi di più, tramite il suo impegno, i giovani che scelgono la politica dovranno rappresentare l’icona del politico perfetto, contemporaneamente i vecchi politici non dovranno approfittare di tutto ciò, non rimanendo a lungo nella politica, anzi dovrebbero garantire parità ed organizzazione del lavoro di inserimento di tutti coloro che sono interessati ad entrare nella politica in maniera più efficace. Occorrerebbe afferma Scalera rimettere in circolazione energie culturali e politiche che sono state represse e sottovalutate. Peppe Razzano infatti è sempre stato animato da un forte rigore morale e da una grande passione civile; si è sempre prodigato in concreto e personalmente per le persone più deboli; è indipendente da condizionamenti di qualsiasi centro di potere, come ha dimostrato fra l’altro nella sua giovane vita avendo una straordinaria competenza giuridica, non solo teorica ma anche pratica in materia di ordinamento e organizzazione degli enti locali. Maddaloni ha oggi necessità di una forte legalità, che possa rendere la classe politica trasparente, ma soprattutto necessita di una buona amministrazione per attirare nuova fiducia ma anche capitali puliti per il suo sviluppo economico: Razzano per questo fine rappresenta il candidato più autorevole e competente, se poi sulla scena scenderanno altri sarà un vero piacere, sempre per il bene di questa città. Oggi occorrono strumenti nuovi adatti ai lavori flessibili e discontinui. Con la carenza di politiche attive oggi bisogna rivolvere il primo problema: La difficile condizione lavorativa e esistenziale dei giovani di oggi in Italia, tutto questo dipende dall’incapacità della politica di progettare il futuro e di investire sulle risorse umane, sulla ricerca, sulla formazione e su un nuovo sviluppo industriale economicamente e ecologicamente sostenibile. Se si riesce a creare strumenti di sviluppo per Maddaloni, la politica tornerà ad essere credibile. Carlo Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close