• Dom. Ott 24th, 2021

Maddaloni. Villaggio dei Ragazzi, lavoro ed apprendimento per gli studenti dell'Alberghiero

DiThomas Scalera

Gen 18, 2017


MADDALONI. Gli studenti dell’Istituto Alberghiero “Villaggio dei Ragazzi”, guidato dal Dirigente Scolastico, dott.ssa Giovanna D’Onofrio, durante le recenti festività natalizie hanno avuto la possibilità di svolgere un periodo di tirocinio, nell’ambito dei servizi di reception, accoglienza, sala e cucina, presso il prestigioso Hotel-Resort “Boite” di Borca di Cadore (Cortina d’Ampezzo). Selezionati all’interno del progetto: “Alternanza Scuola Lavoro”, gli allievi hanno tratto da questa recente ed importante esperienza lavorativa il massimo profitto, ricevendo i complimenti per la preparazione e l’abnegazione al lavoro del Direttore dell’hotel, dott. Riccardo Mantilacci, e del suo vice, dott. Giancarlo Carpino. “Il nostro obiettivo, ha dichiarato il Generale Giuseppe Alineri – Commissario Straordinario della Fondazione Villaggio dei Ragazzi – è far sì che le nostre scuole superiori diventino anche trampolini di lancio verso professioni correlate al mondo del lavoro e presidi permanenti atti ad arginare il fenomeno sempre più imperante di giovani che evadono l’obbligo scolastico o interrompono la frequenza”. “Mettiamo a disposizione dei nostri studenti – ha affermato, invece, la Dirigente scolastica D’Onofrio – un sistema istruttivo e formativo in grado di rendere meno impervia la strada che porta i giovani all’inserimento lavorativo, evitando, nel contempo, anche la dispersione di intelligenze e capacità”. Gli allievi interessati, accompagnati dal docente Nello Di Caprio, sono stati: Ylenia D’Abbundo, Vincenza Di Rosa, Francesco Pellegrino, Marika Favicchio, Marco Carannante, Mario Merola, Clemente Barile, Salvatore Sferragatta, Rosa Gazzillo, Giovanni Di Nardo, Claudio Stefanelli, Pietro Tenneriello.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru