AmbienteBreaking NewscampaniaCuriosità

Marangone dal ciuffo, un nuovo ospite nel mare della Campania

Si tratta di un uccello simile al cormorano comune ma di dimensioni minori

Il mare campano può vantare una nuova presenza, il cosiddetto “Marangone dal ciuffo”, una specie di uccelli marini che finora era stata avvistata solo di passaggio e in inverno in Campania. Per il secondo anno consecutivo i tecnici dell’Arpa Campania, in collaborazione con gli ornitologi dell’Asoim, hanno avvistato esemplari di Marangone dal ciuffo a giugno sull’isolotto di Vetara, al largo di Positano.

Il monitoraggio svolto indica che molto probabilmente gli esemplari di Phalacrocorax aristotelis desmarestii (questo il nome scientifico della specie) nidificano nell’Area marina protetta di Punta Campanella: sono stati infatti identificati un individuo adulto, un individuo immaturo al suo secondo anno di vita e cinque giovani nati quest’anno.

Per la ong BirdLife International si tratta di una specie che «versa in uno stato di conservazione critico». In Italia la popolazione nidifcante finora individuata è concentrata soprattutto in Sardegna. Le segnalazioni finora provenienti dalla Campania si riferivano a esemplari di passaggio o svernanti. La presenza di alcune coppie riproduttive può essere considerata l’indizio di condizioni ambientali idonee nell’Area marina protetta di Punta Campanella.

L’avvistamento è frutto del monitoraggio congiunto svolto dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, in particolare dalla UO Mare diretta da Lucio De Maio, e dall’Associazione studi ornitologici Italia Meridionale presieduta da Maurizio Fraissinet, per effetto di una convenzione siglata tre anni fa, nell’ambito delle attività che discendono dalla direttiva europea 2008/56/CE sulla Marine Strategy.  

Il notiziario del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente ospita, all’indirizzo https://www.snpambiente.it/2020/06/26/marangone-dal-ciuffo-un-nuovo-ospite-nel-mare-della-campania, un articolo curato da Lucio De Maio, Dario Monaco ed Elena Piscitelli (Arpa Campania), Maurizio Fraissinet e Filippo Tatino (Asoim), che illustra i particolari della scoperta.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.