• Ven. Ago 12th, 2022

Marcianise. 500 persone alla manifestazione contro la guerra in Ucraina

Marcianise dice “No” alla guerra in Ucraina

Nonostante le previsioni non  promettessero nulla di buono, un bel sole ha accolto le circa 500 persone che hanno voluto far sentire il loro deciso “NO” al conflitto e la loro partecipazione al dolore del popolo ucraino.  Sin dalle 16 tanti bimbi della scuola primaria, famiglie armate di passeggini, studenti e membri di associazioni, oratori, comunità religiose locali sono accorse in Piazza Carità per prendere parte alla manifestazione contro guerra nel cuore dell’Europa, che ogni giorno semina morte e distruzione. “Sono davanti ai nostri occhi le immagini di chi fugge- ha esordito Mimmo Rosato, presidente della Pro loco- sono situazioni che non vorremmo mai vedere e che avvengono per la logica della potenza, di voler controllare tutto e tutti. A tutto cio’-ha concluso Rosato- dobbiamo contrapporre la cultura della pace, della redistribuzione della ricchezza e del rispetto della dignità  e del rispetto di ognuno e dell’ambiente che ci circonda”. Particolarmente toccanti gli interventi del sacerdote ucraino don Mariano e di Yulia. “ La vostra vicinanza- ha precisato il parroco- è importante perché dimostra che  non siamo soli. Vogliono distruggerci e diffondere il panico nel mondo. Aiutateci con la preghiera e  di ciò di cui abbiamo urgentemente bisogno perché non è la guerra della Ucraina, ma di tutti noi”. Yulia, la ragazza ucraina, avvolta nella bandiera del suo paese, invece, ha posto l’accento sul suo profondo dolore per quanto sta accadendo, ma ha sottolineato che “ Putin non è nessuno e che l’Ucraina è uno stato indipendente”. Hanno portato i loro saluti il consigliere regionale Maria Luigia Iodice, l’assessore del  Comune di Marcianise Giovanna Iadicicco, il parroco dell’Annunziata don Francesco Pappadia, Aberto Marino in rappresentanza degli studenti,  Enzo Sgueglia presidente dell’associazione “Fido Amico mio” , la professoressa Giuliana Farinaro che ha letto una poesia buddista, Salvatore Interlandi rappresentante della comunità evangelica, la signora ucraina Alina, padre Michele del convento di San Pasquale, che non ha potuto presenziare ma ha inviato un intervento letto da Rosato. 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa