• Lun. Ott 18th, 2021

Marcianise. Jabil, Epifani (Articolo Uno – LeU) presenta un'interrogazione parlamentare

DiThomas Scalera

Giu 27, 2019

Guglielmo Epifani, deputato di Articolo Uno – Leu, ha firmato un’interrogazione parlamentare sulla vicenda Jabil di Marcianise

Annunciati 350 licenziamenti

MARCIANISE. Il deputato di Articolo Uno – LeU, Guglielmo Epifani, ha firmato un’interrogazione parlamentare riguardante la vertenza sui 350 licenziamenti annunciati dalla Jabil nello stabilimento di Marcianise (Caserta)

“Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali – Per sapere – premesso che: Jabil Circuit Italia Srl è la filiale italiana di Jabil Circuit Inc, multinazionale americana attiva nel settore della manifattura elettronica; Jabil si insedia in Italia, a Marcianise (CE), alla fine degli anni Novanta attraverso l’acquisizione degli stabilimenti produttivi di Marconi, Nokia ed Ericsson; Jabil è un’azienda che opera in un mercato la cui competitività è prevalentemente straniera. La competitività a basso costo con paesi asiatici e dell’est europeo ha ridotto notevolmente le commesse reperibili e sostenibili per il sito di Marcianise; ad aumentare la difficoltà a reperire lavoro è la totale assenza di piattaforme industriali atte ad incentivare le società a non delocalizzare attività e prodotti manifatturieri in altri paesi a basso costo; negli ultimi 12 anni sono stati utilizzati gli strumenti legati agli ammortizzatori sociali, tra cui anche la mobilità incentivata; nel mese di luglio del 2010 la Jabil circuit ha provato a disfarsi del sito di Marcianise tramite la vendita del pacchetto azionario ad un fondo finanziario americano “mercatech” titolare del 100% del capitale sociale di competence emea. Dopo pochi mesi la Jabil america ha provveduto a riacquisire i siti ceduti a Mercatech facendosi carico dei dissesti finanziari e industriali causati dallo stesso fondo Mercatech; dal 2011 ad oggi Jabil non ha più avuto una vera e propria attenzione industriale per Marcianise. Ha preferito aumentare lo sviluppo di attività verso paesi dell’est. Ciò ha ulteriormente aumentato l’esubero strutturale con gran parte dell’organico di lavoro in cassa integrazione, con una perdita economica media annua di circa 20 milioni di euro; a seguito di ciò Jabil ha drasticamente ridotto il salario dei dipendenti, provenienti dagli accordi di 2° livello ed han fatto ricorso ad un processo di ristrutturazione con uscite incentivate; oggi l’organico è composto da 794 dipendenti. Per tentare di superare questo ulteriore momento di crisi, Jabil ha presentato a novembre 2017 una piattaforma industriale in cui ha annunciato come intende gestire nei prossimi mesi il sito di Marcianise. A seguito di questa piattaforma è stata avviata la cigs, i cui 12 mesi di proroga scadranno il 23 settembre 2019; lo scorso 24 giugno, durante l’incontro convocato dalla Jabil presso la sede della Confindustria Caserta, è stata annunciata la procedura di licenziamento collettivo per 350 lavoratori, venendo meno agli impegni assunti nelle sedi istituzionali;quali iniziative intenda intraprendere affinché vengano garantiti i livelli occupazionali dell’azienda, considerato che detti licenziamenti andrebbero a colpire l’ASI (Area di Sviluppo Industriale) di Marcianise, un distretto già martoriato dalla crisi e che sta si sta impoverendo sempre di più”.

Leggi anche:

  1. https://www.v-news.it/marcianise-procedura-di-licenziamento-per-350-dipendenti-jabil-articolo-uno-gravissimo/

    Procedura di licenziamento per 350 dipendenti Jabil, Articolo Uno: “Gravissimo”

  2. https://www.v-news.it/marcianise-crisi-alla-jabil-oddati-pd-fallimento-del-governo/

    Crisi alla Jabil, Oddati (Pd): “Fallimento del governo”

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru