• Dom. Ott 24th, 2021

Marcianise. Quando sono le donne a gestire la criminalità: operazione di carabinieri e Questura

DiThomas Scalera

Feb 3, 2017


In mattinata i carabinieri del Comando Provinciale di Caserta e il personale della Questura hanno dato esecuzione a un ordine di custodia cautelare in carcere nei confronti di Maria Buttone e di Salvatore Belforte e di arresti domiciliari nei confronti di Alessandra Golino. I tre sono ritenuti responsabili di concorso in estorsione continuata aggravata col metodo mafioso al fine di favorire l’organizzazione camorristica del clan “Belforte” operante in Marcianise e nei comuni limitrofi.
Le indagini della autorità hanno avuto origine a seguito della scarcerazione di Maria Buttone, moglie dello storico capo clan Domenico Belforte detenuto al 41 bis (carcere duro), avvenuta nell’aprile 2016. In particolare la donna era già passata per il 41 bis e in seguito agli arresti domiciliari. Secondo le indagini la donna uscita dal carcere avrebbe ripreso le attività criminali con l’aiuto del figlio Salvatore Belforte e della sua compagna Alessandra Golino.
Secondo quanto diramato dalle autorità:

Le investigazioni hanno consentito di accertare come il ritorno in libertà della donna abbia fatto rinnovare nella popolazione di Marcianise timore, rispetto e quindi soggezione nei confronti dei componenti di tale sodalizio camorristico, che non ha mai perso il controllo “criminale” del territorio.
Lo dimostrano, infatti, gli episodi contestati ovvero alcune estorsioni poste in essere dalla coppia, su indicazione della madre di Salvatore, nei confronti di imprenditori locali.
 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru