• Ven. Ott 22nd, 2021

Marcianise. Scoperto un opificio con oltre 120mila capi di abbigliamento contraffatti: scatta il sequestro

DiThomas Scalera

Mar 2, 2016

contraffazione1-642x336
MARCIANISE. In data 25 febbraio u.s., i Militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Marcianise, su delega di questa Procura, hanno proceduto al sequestro di un intero opificio, di 19 macchinari e di oltre 120.000 capi d’abbigliamento contraffatti, riproducenti rinomate griffe americane, del valore complessivo di 700 mila euro. Va precisato che, già nel mese di ottobre 2015, la P.G. procedente, nell’ambito delle attività di controllo del territorio per la prevenzione e la repressione degli illeciti in materia di contraffazione dei marchi e sicurezza prodotti, aveva apposto i sigilli ad una stamperia di Santa Maria a Vico (CE) in cui venivano contraffatti capi d’abbigliamento di rinomate griffe americane. All’interno dell’opificio erano presenti 19 macchinari che, dotati di appositi cliché, riproducevano targhette e cartellini con l’imitazione di famosi marchi. Le successive investigazioni hanno consentito di ipotizzare che i vestiti in trattazione (pantaloni, giubbotti, maglietti e felpe), di elevata qualità e finemente rifiniti, fossero destinati ad un mercato diverso da quello “da strada”. Sono scattate quindi le indagini per ricostruire la c.d. “filiera del falso”, attraverso le quali è stato possibile individuare un “outlet villagé” ubicato a Latina, dell’estensione di oltre 500 metri quadrati di superficie, in cui venivano posti in vendita al pubblico i medesimi capi d’abbigliamento. In data 25 febbraio u.s., in esecuzione di decreto di questa Procura, sono state eseguite le perquisizioni che, tra capi d’abbigliamento, etichette ed accessori, hanno consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro oltre 120.000 articoli falsificati. La presente attività ha consentito di disvelare e disarticolare un consolidato sistema fraudolento in base al quale a comuni capi d’abbigliamento venivano asportati i segni distintivi per essere alterati ed immessi sul mercato a prezzi elevati. Le attività appena concluse, coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e delegate al Comando Provinciale di Casetta, rafforzano l’azione di contrasto al fenomeno dell’abusivismo e della contraffazione che danneggia la libera concorrenza sottraendo opportunità di lavoro alle aziende oneste, contribuendo a tutelare tutti quegli imprenditori che rispettano le regole di mercato nello specifico settore.
contraffazione2

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru