AmbienteCelloleCronacaNewsSessa Aurunca

Mare e non solo: Baia Domizia sulla strada del rilancio?

Cerrito continua a crederci e a lavorare per suo il riscatto.

La problematica relativa allo stato delle acque marine di Baia Domizia solleva ogni anno grande interesse da parte delle Associazioni del territorio di Cellole e Baia Domizia, che si attivano per verificarne lo stato attuale.

Da approfondimenti effettuati, attraverso l’Associazione Amici de “L’Altra Italia” relativamente ad indagini prodotte in tal senso, abbiamo richiesto i risultati delle indagini effettuate circa eventuali fattori inquinanti.

Gaetano Cerrito

Dopo un incontro con il Procuratore Capo di Cassino, dott. D’Emmanuele, si è appreso che nel biennio 2018/19 sono state effettuate, indagini delegate dalla Procura di Cassino (FR) e da quella di Santa Maria Capua Vetere (CE), al fine di verificare la presenza di genesi inquinanti e per effettuare la ricognizione di tutte le possibili fonti di inquinamento terrestri o sub terrestri eventualmente presenti. Le attività messe in atto hanno interessato porzioni di territorio prettamente di proprietà demaniale, una delle quali ricadenti nel Comune di Santi Cosma e Damiano (LT) proprio a ridosso dell’argine del corso d’acqua, sulla quale sono state individuate decine di tonnellate di rifiuti consistenti per lo più in materiali di risulta, derivanti da demolizioni edilizie e stradali (asfalto), pali in cemento, tubi in plastica. Naturalmente non si può escludere che parti di tali accatastamenti, possano essere caduti nel fiume e trascinati dalla corrente, sfociati in mare.

Il Procuratore della Repubblica di Cassino Dott. Luciano D’Emmanuele

Ad ogni modo però le verifiche effettuate dell’Ente competente, non hanno ravvisato oggettive condizioni di pericolo e del cosiddetto “rischio idraulico”, quali ostruzioni d’alveo ed impedimenti al libero deflusso delle acque. Anche se la presenza di materiali eterogenei, oggetto di scarico abusivo, potrebbe creare delle criticità ambientali, connesse a problematiche di carattere igienico sanitario e di decoro. A margine sono stati eseguiti controlli a campione, ad aziende autorizzate allo scarico nel fiume Garigliano, delle acque reflue domestiche e o industriali, previa depurazione, i cui eventuali livelli di tossicità rischierebbero di vanificare la genuinità delle acque prospicienti la costa campano-laziale.

I risultati ottenuti a seguito delle verifiche dell’Arpa Lazio sono stati molto confortanti. Anche se in taluni casi sono stati riscontrati e sanzionati i parametri leggermente fuori dai range previsti dalla normativa.

Per quanto riguarda l’attività svolta dalla Guardia di Finanza di Formia, i risultati ottenuti sono confortanti dal punto di vista ambientale, tenuto conto comunque che data la vastità del territorio che circonda il Garigliano, dal punto di confluenza fino alla foce, si estende per circa 38 km, non si può escludere la presenza di siti inquinati.

La presenza di schiuma che a giorni alterni appare sulle acque di Baia, potrebbe essere nulla di preoccupante. Potrebbe trattarsi di un residuo organico, probabilmente proveniente da allevamento ittico del basso Lazio e che, attraverso le correnti, raggiungere poi la costa di Baia Domizia. Ma è altamente improbabile che ci siano sversamenti incontrollati nella acque del Lazio e della Campania, data l’attività capillare svolta costantemente dalla Procura e dalla Guardia di Finanza.

Ringrazio il Presidente dell’Associazione Amici de “L’Altra Italia”, Gaetano Cerrito, che con il suo impegno, la sua dialettica ricca e passionale, è riuscito ad affrontare anche questa spinosa questione godendo del rispetto delle Autorità Istituzionali, che in maniera collaborativa , hanno fornito tante informazioni utili per il nostro territorio. D’altronde gli stessi Procuratori della repubblica, di S. Maria CV Dottssa Maria Antonietta Troncone, di Cassino Dott. Luciano D’Emmanuele, di Isernia Dott. Carlo Fucci, ospiti dei Forum a firma Cerrito, hanno mostrato vicinanza allo stesso, a Baia Domizia e la nostra Terra Aurunca, dando una mano alla riqualificazione ed il rilancio dei nostri territori.

Il Procuratore della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, Dott.ssa Maria Antonietta Troncone

Un ringraziamento va al Comando Guardia di Finanza di Formia per averci fornito in maniera dettagliata i risultati delle indagini concluse e agli stessi Procuratori della Repubblica, ma anche a l’Avv. Angelo D’onofrio, per avere sollecitato Cerrito ad intervenire, fornendo materiale utile per la stessa indagine conoscitiva.

Il Procuratore della Repubblica di Isernia, Dott. Carlo Fucci
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Demelza Marotta
Giornalista pubblicista e Vice Direttrice di V-News.it. Laureata in Scienze della Comunicazione presso "La Sapienza" Roma, con indirizzo Comunicazioni di massa. Esperta in comunicazione istituzionale e gestione delle pagine social. Solare, dinamica e determinata

    Comments are closed.