• Lun. Ott 25th, 2021

I due marò Massimiliano Latorre (sinistra) e Salvatore Girone (destra). Credit: Reuters
I due marò Massimiliano Latorre (sinistra) e Salvatore Girone (destra). Credit: Reuters

La decisione dei Tribunale dell’Aja sul fuciliere trattenuto in India accoglie le richieste dell’Italia in vista dell’arbitrato

Il Tribunale dell’Aja ha accolto la richiesta italiana e ha stabilito che il marò Salvatore Girone faccia rientro in Italia fino alla conclusione del procedimento arbitrale nei suoi confonti.

Girone è ancora trattenuto in India dal febbraio del 2012 con l’accusa di avere ucciso, insieme a Massimiliano Latorre, due pescatori scambiati per pirati.

Il procedimento arbitrale al Tribunale dell’Aja stabilirà se spetti all’Italia o all’India la giurisdizione sul caso dei due marò.
L’Italia aveva inviato ai giudici dell’Aja una serie di considerazioni legali e di ordine umanitario derivanti dalla permanenza di Girone in India da oltre quattro anni e che avrebbe potuto prolungarsi per altri due o tre anni, tenuto conto della prevista durata del procedimento arbitrale.
I giudici hanno accolto la richiesta e domani renderanno pubblica la decisione, ma la notizia è già stata confermata dalla Farnesina.
“Il governo avvierà immediatamente le consultazioni con l’India affinché siano definite e concordate le condizioni per dare seguito alla decisione del Tribunale arbitrale”, comunica la Farnesina in una nota.
“Se la notizia è vera, sono strafelice. È una notizia meravigliosa. Adesso devo sentire mio figlio e mia nuora per accertare se è vera”, è stato il primo commento di Michele Girone, padre del militare.
Fonte: The Post Internazionale

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru