Gio. Ott 24th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Marzano Appio. Giovani in marcia per la pace e per l’ambiente

5 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Sottoscritto il patto per la difesa del Pianeta Terra

MARZANO APPIO. Scuola e Comune per la Pace. Grande partecipazione alla “Fiaccola della Pace” che per la quinta volta ha fatto tappa nel bellissimo e storico borgo dell’alto casertano. Piantato il 2° Albero della Pace contro tutti i crimini e i terrorismi ambientali e la salvaguardia del Pianeta Terra. La manifestazione si è svolta venerdi 20 Settembre 2019 ed è coincisa con la 38a Giornata Internazionale della Pace indetta dall’ONU. E’ stato sottoscritto da tutte le Istituzioni presenti un “Patto d’impegno per la Pace e la Salvaguardia del Pianeta Terra”.La Preside SASSI ed il Sindaco CONCA hanno firmano il “Patto di Pace”, attraverso il quale sono stati riconfermati i titoli di “Scuola di Pace” e di “Città per la Pace”. La sede di Marzano dell’I.C. di “Mignano M.L.-Marzano” di cui referenti dei plessi sono Virginia Ragosta( vice preside), Maria Attilia Spaziano e Sandra D’Andreta, ha ricevuto l’Encomio per la Pace per il costante impegno dei docenti svolto nel corso degli anni insieme agli alunni. L’anno scolastico per la Scuola è quindi iniziato all’insegna della Pace; ma anche per la neo amministrazione alla sua prima esperienza con la Marcia per la Pace.”5 volte a Marzano Appio, un record. E’ stata la prima tappa all’inizio del nuovo anno scolastico. Il comune e la Scuola danno il buon esempio a tutta la comunità territoriale e provinciale ” . Ha esordito la Presidente del Movimento per la Pace Agnese Ginocchio. Poi rivolgendosi alla Dirigente scolastica, ai docenti e agli alunni dell’ Istituto Comprensivo li ha ringraziati. “Ci avete regalato la Speranza di continuare a lottare per un mondo migliore, un mondo di Pace. Continuiamo su questa strada, perché la Pace è educazione e istruzione che si impara sul banchi di scuola”. Una parola di ringraziamento anche al neo Sindaco Antonio Conca e all’Amministrazione presente con il vice Sindaco Raffaele De Maio, il Consigliere delegato ai lavori pubblici Carmine Caldarone, i Consiglieri Vincenzo Caldarone, Valerio Crudale, Cioffi Cristian, che a pochi mesi dall’elezione ha immediatamente mostrato vivo interesse all’organizzazione della “Fiaccola della Pace. Presente anche la delegata del Sindaco di Mignano Monte Lungo Anna Lanzalone. “Bisogna seminare valori”, ha ribadito Rossana Carcieri che ha portato il messaggio in rappresentanza dei genitori degli alunni. “A noi genitori il compito di rieducarli ai valori del bello, dell’amore e della Pace per contrastare la violenza e l’aggressività che tocca la sfera giovanile. Impegniamoci tutti e forse potremo realizzare un mondo all’altezza dei nostri sogni di Pace”. La Preside Monica Sassi, una donna ben determinata e dallo spirito fortemente pacifista, ha ricordato ai giovani l’importanza di essere ogni giorno portatori di gesti e di comportamenti di Pace. “Ricordiamoci che siamo fortunati, siamo fortunati rispetto ad altri popoli che sono costretti a scappare dai loro paesi perché in guerra; siamo fortunati a vivere in un paese che fonda le sue norme su regole democratiche sancite nella carta costituzionale nostro DNA a cui ogni uomo e donna devono ispirarsi. Hanno recitato frasi gli alunni della primaria e della secondaria di primo grado coordinati dalle loro docenti, i bambini della primaria e dell’infanzia hanno eseguito dei brani musicali e realizzato un gran girotondo, immagine del mondo. Al termine quindi è avvenuto come da cerimoniale la Sigla del “Patto di Pace”, come già riportato all’inizio. Al Patto di Pace, è stata aggiunta una “Sottoscrizione” da parte di tutte le Istituzioni presenti, rappresentanti dei giovani ( hanno firmato il Sindaco Conca, la Preside Sassi, il vice Sindaco De Maio, il Consigliere delegato alla Pace Caldarone, la delegata del Sindaco di Mignano Monte lungo la rappresentante dei genitori Carcieri e Socio Onorario del Movimento per la Pace, il giovanissimo Vincenzo Caldarone, il diacono Don Roberto delegato del parroco e la Presidente del Movimento per la Pace Ginocchio) contenente un’esplicita richiesta di “Impegno per la Pace e la difesa del Pianeta Terra”. A motivo di quanto accaduto durante l’estate particolarmente rovente dei paesi del mondo colpiti da roghi dolosi, fra questi l’Amazzonia, le Canarie, l’Africa, la Siberia e le nostre terre campane fra cui la Terra dei fuochi. La manifestazione è quindi culminata con la piantumazione del secondo “Albero della Pace” ( gemello del primo Albero già piantato durante la prima ed.ne della Fiaccola della Pace) benedetto dal diacono Don Roberto Marchini, sul quale è stata riportata una dedica specifica: “Contro ogni crimine e terrorismo ambientale in Campania, Italia e nel mondo”. E’ stato il primo Albero dedicato a questo tema piantato durante la prima tappa del nuovo anno scolastico 2019-2020 della “Fiaccola della Pace” avvenuta a Marzano Appio. “Per salvaguardare l’ecosistema gravemente minacciato dai cataclismi e dagli incendi di origine dolosa, e perché di Alberi ne abbiamo bisogno come l’aria che si respira, in quanto noi viviamo grazie a loro”. Ringraziamenti al Consigliere comunale Carmine Caldarone e a Rossana Carcieri per aver fatto da tramite, alla Polizia Municipale, alla Protezione Civile per il servizio d’ordine e sicurezza effettuato e al Comandante dell’Arma dei Carabinieri presente. Tra i presenti anche lo scrittore Luca Trapanese autore di un libro sulla disabilità. Una bellissima giornata all’insegna del sole scandita dai passi e dalle voci dei giovani alunni, la carica dei 1000 che sta attraversando in tappe la nostra provincia, un esercito bianco che, accompagnato dalle Maestre, marcia lungo le strade esibendo cartelloni, striscioni, disegni  e richieste rivolte a chi ha in mano le sorti di questo mondo. “Salviamo la nostra casa comune”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open