• Mar. Ott 26th, 2021

Marzano Appio. Stragi naziste, il comune partecipa al docu-film “Terra Bruciata”

DiThomas Scalera

Gen 12, 2017

Uscirà a breve l’atteso film – documentario “Terra Bruciata – Scorched Earth” del regista Luca Gianfrancesco, prodotto dalla Mediacontents s.r.l. Il progetto vede coinvolti diversi comuni campani nei quali durante la seconda guerra mondiale si verificarono stragi ed eccidi da parte dei soldati nazisti. Molte delle più efferate violenze compiute dai militari ed ufficiali tedeschi si sono compiute in alcuni centri dell’Alto casertano. Da San Pietro Infine a Mignano Montelungo, da Conca della Campania a Marzano Appio e così via, il sangue di tanti innocenti ha macchiato per sempre le coscienze di un intero territorio. Quel sangue però non può essere dimenticato. Questo è lo spirito che pervade il progettio “Terra Bruciata” che vuole appunto raccontare quei tragici episodi perché restino nella memoria collettiva delle generazioni future come simbolo del sacrificio per la libertà e i diritti. Tra le amministrazioni che hanno aderito e partecipato al progetto figura anche il Comune di Marzano Appio retto dal sindaco Carlo Eugenio Ferrucci. Proprio in questi giorni è in rete e sui social network un filmato del primo cittadino, realizzato dalla produzione del film, nel quale si parla della strage di Campagnola, la vicenda nella quale per rappresaglia i nazisti trucidarono 7 persone. Il sindaco ha ricordato il tragico episodio ribadendo la necessità di lasciarne traccia nella memoria delle future generazioni. “L’amministrazione comunale di Marzano Appio, ritenendo ‘Terra Bruciata’ un progetto di considerevole importanza per il recupero della memoria e lo sviluppo culturale del territorio, si aggiunge ai comuni che hanno già dato il loro contributo alla produzione del film-documentario”, si legge in una nota diramata in merito dall’amministrazione comunale.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru