Lun. Ott 14th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Mondragone. AMBC: “Per Pacifico & Co. i portatori di interesse contano più dei semplici cittadini”

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

MONDRAGONE. “Per una Pubblica amministrazione tenere in considerazione gli stakeholder in sede di definizione delle pubbliche decisioni è <cosa buona e giusta>.

Tuttavia, <agire sotto dettatura> o anche solo decidere <ascoltando> esclusivamente i <portatori di interesse>, significa piegare l’Istituzione e le istanze collettive agli interessi di parte e di pochi. Per giunta al sol fine di tutelare profitti privati. E’ quanto accaduto, purtroppo, con la delibera di giunta con la quale l’<Amministrazione Pacifico> ha deciso di stracciare la precedente decisione di allocare la 7^ farmacia nel Quartiere di Sant’Angelo. Delibera che ha, di fatto, superato il contenzioso che i farmacisti del Quartiere di San Nicola e del Quartiere Crocelle (notate che stiamo parlando di farmacie allocate in quartieri …) avevano attivato davanti al TAR, impugnando i provvedimenti dell’ex<Amministrazione Schiappa>, con i quali si era deciso un nuovo piano delle farmacie (per quartiere, appunto) e l’allocazione della 7^ farmacia (opzionata come farmacia comunale) presso il Rione più antico della città. I ricorrenti lamentavano di <essere gravemente danneggiati dal nuovo piano, in considerazione della circostanza che lo stesso collocherebbe la sede n.7 nel quartiere di sant’Angelo, sottraendo buona parte della porzione di territorio di competenza dei medesimi>. Ovviamente l’ex<Amministrazione Schiappa> si era costituita, ma all’udienza pubblica dello scorso 10 Ottobre si è preso atto della sopravvenuta carenza di interesse alla decisione, poiché nel frattempo l’<Amministrazione Pacifico> aveva revocato le precedenti decisioni di Schiappa e deciso di <far fuori> il Quartiere di Sant’Angelo (sempre più isolato e privo di servizi) e di allocare la 7^ ed anche l’eventuale 8^ farmacia lontano (anzi lontanissimo) dalle due farmacie ricorrenti, evitando, quindi, che potessero essere danneggiate. Su questa vicenda il sindaco Pacifico ha deciso di non ascoltare i cittadini, di non acquisire il parere delle associazioni del quartiere e di non attivare alcun confronto pubblico. Il sindaco di tutti ha deciso di <ascoltare>e di far prevalere soltanto le ragioni di due(<portatori di interesse>). Al di là della correttezza formale o meno di tutta l’operazione, della lacunosa pianta organica delle farmacie e della loro <distribuzione> sul territorio, delle varie opzioni comunali ed anche del fatto che alla fine l’unico quartiere a non avere una farmacia sarà quello di Sant’Angelo, ciò che resta di questa brutta vicenda è il colpo inferto alla democrazia locale.Pacifico & Co. hanno gettato la maschera e scelto da che parte stare. Non dalla parte dei <semplici> cittadini.”

Comunicato stampa dell’Associazione Mondragone Bene Comune

Leggi anche:

Mondragone. Municipio, le tre proposte dell’AMBC

Mondragone. Municipio, AMBC: “Siamo al delirio amministrativo”

Open