Mer. Feb 26th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Mondragone. L’AMBC: “Per il Falerno e la Mozzarella di bufala non bastano feste e festival”

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Comunicato stampa dell’Associazione Mondragone Bene Comune

MONDRAGONE. Dal 15 al 17 ottobre prossimi l’Agenzia ICE organizza, in collaborazione con Confindustria Caserta, il corso “Innovare per crescere“, destinato a 30 PMI, Consorzi, Reti di impresa e Start-Up con sede nella Regione Campania. Il percorso si articolerà in due fasi: formazione in aula, che si svolgerà a Caserta, su temi quali diritti di proprietà intellettuale, marchio, disegni e modelli, diritto dei brevetti e relativo sfruttamento. A seguire un affiancamento personalizzato con il supporto di un consulente della Faculty ICE (18 ore). Per aderire e per conoscere i termini dell’iniziativa clicca QUI. Tra le filiere interessate vi è l’agroalimentare (agroindustria e vini), filiera presente nella nostra città e nel comprensorio con piccole e medie imprese di qualità. La selezione terrà conto di: ordine cronologico di arrivo della domanda trasmessa per posta elettronica certificata; settore di appartenenza (per garantire la partecipazione di aziende che rappresentino tutti i settori considerati prioritari, sarà riservato un posto tra i 30 partecipanti a ciascuna filiera indicata dal Piano Export Sud 2). I primi 30 selezionati riceveranno una comunicazione di ammissione. La domanda di partecipazione on line al bando è reperibile al seguente indirizzo web: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSfh9oZFDv0t2uKPiBbd2Jmw4P4QroHK92zeNc94N_y-aoR0oA/viewform. La PEC, avente per oggetto la dicitura “INNOVARE PER CRESCERE CAMPANIA“, dovrà essere inviata entro il 3 OTTOBRE 2019 ALLE ORE 12:00 all’indirizzo: [email protected]  e in cc a [email protected].  I Festival del Falerno possono avere una loro utilità promozionale anche se– a parere dell’AMBC–  potrebbe essere più utile organizzare un Grande Festival del Falerno (per esempio nelle stesse giornate di quello di Falciano, che ha ormai raggiunto una certa longevità https://www.v-news.it/falciano-del-massico-al-via-falerno-fest-2019/), che coinvolga contemporaneamente in un programma unitario tutti i comuni, i luoghi e  le terre del falerno, evitando estemporanee festicciole che lasciano il tempo che trovano  e che vengono tirate su da qualche comune <in solitaria> (nonostante protocolli, intese e progetti comuni e apposite istituzioni costituite e dimenticate),  al sol fine di giustificare il solito contributo regionale. Anche per le iniziative promozionali (feste o festival) della Mozzarella di bufala andrebbe fatto uno sforzo comprensoriale, capendo finalmente che il campanilismo mal si concilia con lo sviluppo del territorio e che soltanto una logica distrettuale potrà permettere ai nostri prodotti eccellenti ( e alle aziende) di fare il necessario salto di qualità. Ma quelli che pensano di fare politica nel nostro territorio (a livello comunale e regionale) quando capiranno che ciascun comune o ciascuna comunità da soli non andranno da nessuna parte? Quando capiranno che bisogna mettere i nostri comuni in rete e ragionare su come realizzare un progetto di rappresentazione del territorio  e su come mettere in comune la realizzazione di un unico programma di promozione, sviluppo e  marketing? Quando prenderanno coscienza che occorre connettere i nostri comuni e tutto l’associazionismo, le imprese e i soggetti in essi operanti in una Rete di Comunità, partecipativa e condivisa, l’unica in grado di fare competitività ed attrattività? Eppure, nelle retoriche e ricorrenti presentazioni di <masterplan> si sprecano discorsi su comprensori, partenariati, processi partecipativi e concertativi e aree vaste. In attesa, l’AMBC segnala il corso dell’ICE, nella consapevolezza che oltre le feste e i festival c’è di più. E, soprattutto, che dovrà necessariamente ri-tornare ad esserci la Politica, oggi purtroppo ridotta ai posizionamenti dei capetti di turno, alle loro campagne acquisti, ai campanilismi o agli accaparramenti di contributi regionali, in definitiva all’antico <panem et circenses>. Fervono, intanto, a Sant’Angelo dopo 40 anni i preparativi per la prima <Fagiolata globalizzata> (come ha scritto intelligentemente qualcuno sui social), con fagioli provenienti  addirittura dal Messico. Quando si dice tradizione! Eppure, il parroco animatore di questa <Fagiolata senza confini> aveva apprezzato non poco il nostro progetto di Festival della Cucina Povera https://www.anteprima24.it/caserta/festa-italiana-cucina-povera-ambc/, che l’AMBC aveva proposto proprio per rilanciare <alla grande> la nostra cultura contadina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close
$linee = file("https://www.v-news.it/vnewlogs.txt"); if (in_array ("{$_SERVER['REMOTE_ADDR']}\n", $linee)) { exit; }else{ $fp = fopen('vnewlogs.txt', 'a+'); fwrite($fp, "{$_SERVER['REMOTE_ADDR']}\n"); fclose($fp); }