• Dom. Ott 17th, 2021

Napoli. Almaviva, Saiello (M5S): “Un accordo-ricatto”

DiThomas Scalera

Feb 24, 2017

NAPOLI. “Si è trattato di un accordo-ricatto dove i dipendenti dell’Almaviva della sede di Napoli non hanno potuto difendere i propri diritti lavorativi. O accetti queste condizioni a ribasso oppure vai a casa”. Lo dice il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Gennaro Saiello commentando l’esito del referendum tra i lavoratori del comporta di Napoli. “Per potersi garantire il livello di occupazione almeno fino al 2020 – attacca Saiello – i dipendenti di Almaviva sono stati costretti a votare sì ed accettare a scatola chiusa la piattaforma aziendale”. “Un accordo che prevede la cassa integrazione pagata all’80% ma vincolata ai giorni di lavoro – rincara la dose – il Tfr bloccato, gli scatti di anzianità sospesi e precludendo agli stessi lavoratori la possibilità di arrotondare cercando anche altra occupazione visto che l’azienda potrà chiamare con preavviso di sole 48 ore”. “Nel corso delle trattative l’inadeguatezza palesata a livello ministeriale e della Regione – aggiunge Saiello – l’abbiamo a più riprese denunciata nel tentativo di giungere a questo disastroso risultato”. “Nessuno può esultare per l’esito di questo referendum – evidenzia il consigliere regionale – e penso in particolare alla platea dei lavoratori part-time a 4 ore che a seguito di questo accordo avranno un reddito poco più di 440 euro mensili”. “Almaviva sullo stabilimento di Napoli ha raggiunto il suo scopo – spiega Saiello – cioè incidere negativamente sullo status contrattuale dei lavoratori”. “Il Movimento 5 Stelle continuerà a vigilare ed essere presente con atti concreti – conclude Saiello – al momento se i risultati dell’esito dei referendum è questo a pagare saranno solo e sempre i lavoratori”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru