campaniaCronacaNapoliNewsPagina Nazionale

Napoli. Annullata la condanna per il narcotrafficante internazionale Vincenzo Langiano

E’ stata annullata la sentenza di condanna a 20 anni di reclusione

Grazie ad un cavillo

NAPOLI. Sembrava che la qualità e la quantità delle prove a carico fossero schiaccianti  e non lasciassero alcuna speranza a colui che era ritenuto, insieme a Bernardo Tamarisco, il promotore ed organizzatore di una vasta associazione finalizzata al traffico di cocaina, con importazioni dall’Ecuador e dalla Colombia, operante a Napoli e provincia, Salerno, Messina e Caserta.

Le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Alessandro Montella, Claudio Scuotto e Antonio Leonardi, in uno alle imponenti intercettazioni ambientali ed alle video riprese, avevano costituito un quadro solido che aveva portato alla condanna di Vincenzo Langiano alla elevata pena di 36 anni di reclusione alla luce del riconoscimento della sua penale responsabilità sia per il delitto associativo sia per ben sette  episodi  di importazione, pena, poi, di fatto, trasformata in 20 anni alla luce del rito abbreviato  prescelto.

Quando il processo sembrava avere un esito scontato anche nell’ultimo grado di giudizio, si è verificato il colpo di scena.

La Suprema Corte di Cassazione, quarta sezione penale, che ha visto come presidente la dott. ssa Piccialli e come relatrice la dott. ssa Cappello, nonostante il Procuratore Generale avesse chiesto il rigetto del ricorso, ha accolto una complessa questione giuridica sollevata  con determinazione dagli avvocati Dario Vannetiello ed Alessandro Pignataro, annullando sia la sentenza emessa dalla sesta sezione della Corte di appello di Napoli  in data 18.07.18, sia  la sentenza emessa in primo grado emessa dal giudice dell’udienza preliminare in data 22.03.17.

L’avv. Dario Vannetiello

A portare al clamoroso esito un vero e proprio cavillo giudiziario: gli avvocati Vannetiello e Langiano hanno sostenuto con successo che si era verificata una nullità assoluta nel giudizio di primo grado, rappresentata dalla violazione del diritto  di difesa, atteso che era stato  chiesto l’interrogatorio dell’accusato,  ma il giudice aveva consentito a Langiano solo di rilasciare dichiarazioni spontanee.         

Il tema era stato posto anche innanzi alla Corte di appello di Napoli, sesta sezione penale, presieduta dalla Dott.ssa Antonia Gallo, ma i giudici partenopei avevano ritenuto che trattavasi di nullità non avente carattere assoluto e non determinante  la nullità della sentenza di primo grado.

Ma il tecnicismo  giuridico del ricorso redatto dalla difesa del capo cosca,  il quale  era pure recidivo specifico, ha finito per convincere gli esperti giudici della Suprema Corte.             

Dunque, per colui che avrebbe promosso ed organizzato la temibile organizzazione facente capo alla famiglia Tamarisco, con quartiere generale a Torre Annunziata, il processo è completamente da rifare ed il cui esito non è possibile preventivare, con ripartenza addirittura innanzi ad un nuovo giudice dell’udienza preliminare, circostanza questa che si verifica in rarissimi casi ed è del tutto eccezionale.

Con la medesima sentenza la Suprema Corte ha invece confermato le condanne a venti anni inflitti a Tamarisco e Salvatore Civale, mentre nei confronti di altri ricorrenti ha parzialmente annullato la sentenza di appello, seppur limitatamente alla pena inflitta per i vari delitti di detenzione di cocaina in quanto nelle more è intervenuta la decisione della Corte Costituzionale che ha abbassato il minimo edittale da otto anni a sei anni di reclusione.

Coloro che dovranno rifare il giudizio innanzi  a diversa sezione della Corte di appello onde verificare se  sono meritevoli di una riduzione della pena sono: Barbella Vincenzo, Bartolo Antonio, Cirillo Antonio, Corvino Pasquale, Pagano Michele, Renato Angelo, Scuotto Claudio e Scuotto Davide.            

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.