• Gio. Ott 28th, 2021

Napoli. Caos al Consiglio Regionale della Campania, M5S occupa presidenza: malore per la D’Amelio

DiThomas Scalera

Nov 17, 2015

consiglio-regionale

NAPOLI. Forti tensioni nel Consiglio regionale della Campania dove i consiglieri M5S hanno occupato i banchi della presidenza. I lavori sono stati sospesi diverse volte e il Presidente dell’Assemblea, Rosetta D’Amelio, colta da malore, è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari. Le sue condizioni non destano alcuna preoccupazione. Prima della decisione di sciogliere la riunione, il Consiglio ha approvato la legge sulla gestione dell’acqua.
“Ringrazio – ha spiegato in un post su facebook la presidente D’Amelio – quanti si sono preoccupati per la mia salute in queste ore concitate e stanno inviando messaggi o telefonando. Sono stata visitata e sto meglio. Ho bisogno di un po’ di riposo. In un clima offensivo per le Istituzioni abbiamo proceduto a fatica nell’approvazione della legge sul Riordino del servizio idrico. Occupati i banchi della presidenza da parte dei consiglieri M5S. Avrei potuto chiamare le forze dell’ordine, ma non l’ho fatto”.
“Quanto accaduto ieri in consiglio regionale è di una gravità inaudita. Il Movimento 5 Stelle ha prima impedito che il ricordo delle vittime degli attentati di Parigi avvenisse nel clima di raccoglimento che meritavano i fratelli e le sorelle francesi caduti per mano dei terroristi dell’Isis e poi ha impedito il dibattito sulla legge per il riordino del servizio idrico integrato”. Lo dichiara il presidente del Partito democratico campano e consigliere regionale Stefano Graziano che spiega: “Abbiamo approvato la legge che la Campania aspettava rendendo vane le manovre ostruzionistiche. Ora avvieremo una campagna di informazione tra i cittadini perché in giro ho sentito troppe imprecisioni e informazioni errate. Abbiamo rispettato l’esito del referendum del 2011 e affidato la gestione ai sindaci”. “Il consiglio regionale non è un palcoscenico dove fare sceneggiate. Spero che i 5 Stelle si rendano conto di aver tenuto un comportamento non rispettoso del’ istituzione in cui siedono e di tutti i cittadini campani che ci hanno assegnato il compito di legiferare e risolvere i problemi del territorio”. “Rivolgo, infine, la mia solidarietà alla presidente Rosetta D’Amelio che dopo quanto accaduta in aula è dovuta andare in ospedale per accertamenti. Questa non è democrazia ma un becero tentativo di prevaricare con la forza l’attività legislativa”, conclude Graziano.
“Quello che è accaduto ieri mattina in Consiglio regionale è ingiustificabile e dimostra la scarsa sensibilità istituzionale, ma anche umana dei rappresentanti del Movimento Cinque Stelle in Campania”. Lo ha detto il capogruppo di Campania libera, Psi e Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli, aggiungendo: “Capisco la dialettica e la lotta politica, io stesso ho più volte fatto occupazioni e proteste di piazza, ma, in questo caso, è stato superato ogni limite perché, pur di portare avanti una protesta mediatica, hanno offeso la memoria delle vittime degli attentati in Francia”.
“Che problema c’era a permettere almeno il ricordo delle vittime degli attentati in Francia prima di discutere poi dell’opportunità di anticipare l’intervento in aula del presidente De Luca previsto comunque dall’ordine del giorno?” si chiede Borrelli che, questa mattina ha esposto in aula una bandiera francese insieme al consigliere Moxedano, sottolineando che “in questo modo i Cinque Stelle ci impediscono di fare il lavoro per cui i cittadini ci hanno eletto e ci pagano e, al tempo stesso, offendono le vittime dei terroristi”. “I politici, quelli presenti nelle Istituzioni soprattutto, dovrebbero anteporre agli interessi personali, di partito, gli interessi dei cittadini e il rispetto delle Istituzioni e di tragedie come quella degli attentati in Francia” ha concluso Borrelli.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru