• Dom. Ott 17th, 2021

Napoli. Donne Perdute di Mirella D’Orsi, venerdì 22 marzo la presentazione del libro

NAPOLI. Pensare, progettare, ricordare: improvvisamente la qualità della vita che  viene minata e appare priva di senso. Storie emozionanti di donne, le cui vicissitudini , le reazioni e le prime avvisaglie prendono corpo nelle pagine di Donne Perdute, di Mirella D’Orsi, edito dalla casa editrice Turisa. Venerdi 22 marzo, a Napoli,  presso la fondazione Studi Francesco De Martino, della 5^ municipalità Vomero in via Morghen,  nella sede del Laboratorio  di Sociologia Sudcosciente  LNS-ASI,  alle ore 18 si parlerà di Alzheimer.  Parola che,  nel libro compare senza ambizioni di esaustività medica o scientifica, ma attraverso frammenti di vita, episodi imprevedibili e,   inevitabilmente,  ci sente parte integrante del progetto dell’autrice. Al tavolo dei relatori, saranno presenti la sociologa Imma D’Orsi, il geriatra Francesco Junod, Valentina Barberio, Assessore Politiche Sociali 5^ municipalità, e la psicologa Antonella Santillo.  Modera l’evento, il Direttore del Laboratorio Sudcosciente Francesca Piccolo, sociologa, giornalista.  

 Alcune pagine verranno lette ed interpretate dall’attore Diego Sommaripa.

Mirella affronta in modo intenso e poetico il dramma di chi vede la propria vita spegnersi, sottolinea il ruolo dei caregiver, che lei stessa definisce ‘angeli’ e soprattutto evidenzia quanto sia importante entrare in relazione con la realtà di chi è malato di Alzheimer. Qualunque sia il ponte di comunicazione da costruire, la considerazione della dignità dell’essere umano è inalienabile, anche quando la mente e la razionalità sono andate perdute.

Donne Perdute smuove le coscienze su una malattia che purtroppo non lascia spazio all’oblio né per se né per i propri cari, e la sfida più grande sta proprio nella dimostrazione d’amore, nel sostegno e nell’affetto incondizionato.

Sabrina Ciani

Leggi anche:

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru