NapoliNewsSocietà

Napoli. Menti eccelse pronte per volare per Boston

Il vicepremier Di Maio si è interessato alla vicenda dei tre ragazzi napoletani

NAPOLI- Napoli, anno 2018. Luigi, Davide e Mauro sono tre ragazzi studenti all’Istituto Tecnico Industriale di Napoli “Augusto Righi”. Partecipano ad un concorso indetto dalla Nasa e dal MIT (Massachusetts Institute of Technology). Battendo la concorrenza di oltre 300 scuole in tutto il mondo, si aggiudicano il podio, secondo posto! La favola sembra però non poter avere lieto fine. I ragazzi infatti non sono in grado di affrontare le spese di viaggio per partecipare alla finalissima, prevista a Boston per il gennaio 2019. Già lo scorso anno l’istituto napoletano aveva dovuto addirittura rinunciare alla partecipazione sempre per mancanza di fondi. Ebbene proprio una delle tre giovani menti, Davide Di Pierro, ha fatto in modo di smuovere le acque. Dal palco del “Sabato delle Idee” a Napoli, con educata ed estrema prontezza ha lanciato un appello a tutte le più grandi personalità dell’ingegneria robotica lì radunate, così da racimolare il necessario per realizzare un sogno e volare verso la finale di Boston. Tra i primi a partecipare alla gara di solidarietà il Ministro del Lavoro e Sviluppo Economico, Luigi Di Maio. Ieri infatti con un post sul suo profilo Facebook, si è formalmente impegnato, in uno con il Movimento 5 Stelle, per il raggiungimento dell’obiettivo: “Abbiamo le menti migliori del mondo e poi ci mancano i fondi per far sviluppare le loro idee…. ” si legge nel comunicato. Il vicepremier tenta di dimostrare come, nonostante sia molto criticato per le poche speranze di crescita dei giovani nel paese, l’attuale governo in realtà si mobiliti per fare in modo che essi possano eccellere senza trovare ostacolo nelle condizioni economiche difficili. La nostra speranza è che tutto non resti un tentativo anzi che non si lasci nulla di intentato!

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Pasquale Malatesta
Mi chiamo Pasquale, scrivo da Caserta, ho 19 anni e frequento il secondo anno della facoltà di Economia dell' Università "Luigi Vanvitelli" a Capua.

    Comments are closed.