• Lun. Ott 18th, 2021

Napoli. Ospedale San Gennaro, riunione a Palazzo Santa Lucia

DiThomas Scalera

Nov 3, 2016

riunione-ospedale

NAPOLI. Il Presidente della Regione Vincenzo De Luca ha incontrato a Palazzo Santa Lucia una delegazione del Rione Sanità per discutere del futuro del presidio “San Gennaro”. Alla riunione hanno partecipato tra gli altri il direttore generale dell’Asl Napoli 1 Elia Abbondante, il consigliere del Presidente per la Sanità Enrico Coscioni, il Presidente della Municipalità Ivo Poggiani, i parroci Alex Zanotelli e Giuseppe Rinaldi, una delegazione di cittadini del quartiere.

In un clima costruttivo sono state affrontate tutte le tematiche relative al piano di rilancio del San Gennaro, per il quale era stata decretata la chiusura nel 2011, e che sarà rilanciato al servizio del quartiere con altre funzioni come già annunciato nelle settimane scorse. L’impegno assunto dalla Regione nella riunione di oggi, assegna al San Gennaro ulteriori fondamentali servizi, a cominciare dall’affiancamento al punto di primo soccorso, anche l’apertura di un reparto di chirurgia ambulatoriale con rianimatore presente 24 ore su 24.  Il servizio sarà supportato inoltre da un ambulanza fissa anch’essa operativa h.24. Sempre per il Rione Sanità, il Presidente De Luca ha riconfermato l’imminente installazione di un servizio di videosorveglianza per l’intero quartiere, e l’impegno a realizzare progetti per i giovani e le donne del quartiere. “Per il Rione Sanità – ha dichiarato il Presidente De Luca – anche da parte nostra occorre un impegno doppio per garantire innanzitutto un’assistenza adeguata ai cittadini e contribuire a dare serenità al quartiere. Se vogliamo difendere il San Gennaro, dobbiamo avere tutti l’obiettivo di rinnovarlo”.

Il nuovo servizio di chirurgia ambulatoriale va ad integrare il piano annunciato, che prevede:

1) Punto di Primo Intervento (Psaut con Saut 118), ovvero Servizio di Assistenza e Urgenza Territoriale. Il Promo soccorso sarà garantito 24 ore su 24, con ambulanza fissa dedicata.

2) Poliambulatorio polispecialistico: cardiologia con ecografia cardiovascolare, ecodoppler vascolare, test da sforzo e Medicina dello Sport, neurologia e neurofisiopatologia con elettroencefalografia, elettromiografia, elettroneurografia, dermatologia, pneumologia, urologia, oculistica otorinolaringoiatria con audiometria, ortopedia, chirurgia, chirurgia vascolare, diabetologia, endocrinologia, geriatria, odontostomatologia, medicina nucleare, terapia antalgica, gastroenterologia ed endoscopia digestiva con gastroscopia e colonscopia, epatologia, allergologia, reumatologia.

3) Ambulatorio infermieristico. Somministrazione di terapie, gestione cateteri, medicazioni, gestione ileostomia e urostomia)

4) Day Service con erogazione di percorsi assistenziali complessi e coordinati con presa in carico dei pazienti affetti dalle principali patologie croniche (diabete, scompenso cardiaco, asma, ipertensione).

5) Laboratorio di Patologia Clinica e Genetica. Punto prelievi.

6) Servizio di radiologia territoriale con ecografia e Tac.

7) Farmacia territoriale

8) Centro Antidiabetico

9) Polo di Riabilitazione territoriale polispecialistica, con collegamento funzionale con le unità operative fasce deboli distrettuali ed i centri privati accreditati. Centro di Prevenzione e Riabilitazione Cardiovascolare, Diagnostica cardiovascolare non invasiva, Centro di Riabilitazione geriatrica con annesso Centro Diurno, attività di Riabilitazione neuromotoria, Riabilitazione Respiratoria.

10) Ospedale di Comunità: struttura di ricovero gestita dagli infermieri dell’Asl e dai medici di Medicina generale per patologie non richiedono il ricovero ospedaliero.

11) Consultorio di II Livello con attività di ecografia strutturale e attività di monitoraggio della gravidanza, screening della sfera genitale femminile e attività di prevenzione dell’obesità pediatrica, centro vaccinale.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru