• Mer. Mag 22nd, 2024

Napoli. Traffico internazionale di stupefacenti: assolta Rosa Perone

La moglie del narcotrafficante Giovanni Colombo era stata condannata all’esito del giudizio di primo grado a 6 anni di reclusione

La donna è difesa dall’avvocato Dario Vannetiello

NAPOLI. Si è concluso nel tardo pomeriggio di oggi innanzi alla Corte di Appello di Napoli – V sezione,  presieduta dalla dott.ssa Toscano, il processo a carico di numerosi imputati, ritenuti a vario titolo di far parte di una articolata associazione dedita al traffico internazionale di stupefacenti, acquistati in Marocco e piazzati nelle città di Benevento, Napoli e le rispettive province.

La Corte di Appello ha di fatto confermato l’intero impianto accusatorio, seppur con una clamorosa eccezione, con riferimento alla inchiesta curata dalla direzione distrettuale antimafia.

Infatti, unica imputata ad essere assolta è stata Perone Rosa che esce dal processo per non aver commesso il fatto.

Perone Rosa, moglie del narcotrafficante Colombo Giovanni, difesa dall’avvocato Dario Vannetiello, era stata condannata, all’esito del giudizio di primo grado, ad anni 6 di reclusione, per aver commerciato e venduto ingenti quantità di sostanza stupefacente.

Già all’esito del primo grado, la difesa segnò un punto a proprio favore,  riportando assoluzione della Perone dalla grave accusa di intraneità alla consorteria.

Nel giudizio di appello dei 14 imputati appellanti ben 11 hanno deciso di rinunciare ai motivi afferenti la responsabilità, ammettendo le proprie colpe.

Nei loro confronti la Corte di Appello, concesse le attenuanti generiche prevalenti sull’ aggravante dell’ingente quantità, ha ritoccato le pene ed ha condannato:

Campidoglio Vincenzo ad anni 6 rispetto agli anni 9 e mesi 5 inflitti in primo grado;

Minauro Antonio ad anni 10 rispetto ad anni 18 di reclusione;

Mesaud Luafi ad anni 6 rispetto ad anni 11;

Uccellini Diego ad anni 4 e mesi 10 rispetto ad anni 7 mesi 4;

Uccellini Letizia ad anni 4 e mesi 10 rispetto ad anni 7 mesi 4;

Marotta Vincenzo ad anni 5 e mesi 2 rispetto ad anni 8 mesi 4;

Di Donato Gianfranco anni 2 rispetto ad anni 3;

Colombo Giovanni ad anni 10 rispetto ad anni 15 mesi 8;

Luciano Pietro ad anni 2 e mesi 10 rispetto ad anni 4 mesi 4;

 Moio Michele ad anni 6 rispetto ad anni 11;

Colombo Pasquale ad anni 7 rispetto ad anni 8 mesi 8.

Hanno, invece, affrontato il processo gli imputati Taverna Paolo, Maglione Giuseppe e Perone Rosa, non rinunciando ai motivi di merito.

La Corte nei loro confronti si è così determinata: ha ridotto di due anni la pena di per Taverna Paolo, condannato in primo grado ad anni 6 mesi 10 di reclusione, ritenuta la prevalenza delle attenuanti generiche sull’aggravante; ha conferma la condanna ad anni 2 e mesi 8 per l’imputato Maglione Giuseppe.

Mentre ha assolto da ogni accusa Perone Rosa.  

I giudici di secondo grado hanno condiviso pienamente le argomentazioni difensive sostenute con forza dall’avv. Dario Vannetiello ridando anche la libertà a Perone Rosa, la quale potrà lasciare alle spalle questa triste vicenda giudiziaria.

USCITA A1 CAIANELLO VIA CERASELLE TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI AL SABATO ORARIO CONTINUATO 08:00 20:30 DOMENICA 08.00 13.00
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Di Comunicato Stampa

I comunicati stampa

error: Content is protected !!