Mar. Set 24th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Nocera Inferiore: Progetto per bloccare gli scarichi nel Sarno

2 min read
Progetto per fermare gli scarichi fecali nel Cavaiola.
Fiume Sarno 

La Gori, (ente privato che gestisce il sistema idrico dell’Agro-Nocerino- Sarnese), ha presentato un progetto tecnico – finanziario di 4 milioni e mezzo di euro

 per fermare l’immissione di scarichi provenienti dalle fogne nel Cavaiola, fiume tributario del Sarno, nella Solofrana.

L’Assessore all’ ambiente di Nocera Inferiore, Federico Piccolo sostiene che questo progetto andrà a ristrutturare il tratto in cui il Cavaiola riceve gli scarichi fecali,

 in modo tale da creare una fognatura che arrivi fino al depuratore di Angri .

Chi finanzierà il progetto?

La Regione e la Gori hanno deciso di coinvolgere anche l’amministrazione comunale perché il finanziamento servirebbe a ricoprire soltanto tre milioni di euro dei lavori e non basterebbero.

Per la parte mancante l’assessore ha dichiarato che si impegnerà in prima persona per trovare la cifra mancante, con lo scopo di risolvere questo grave problema ambientale che ormai affligge l’agro.

Il problema fognario sta affliggendo gran parte della zona dell’Agro.

Causa mancata manutenzione e vecchie ‘strutture’, a rimetterci sono sempre i cittadini che vivono condizioni di disagio nei pressi del tratto.

Forti problemi aggravano le condizioni del ‘Sarno’ che risulta essere uno dei fiumi più inquinati d’Europa causa essere bacino di scarico fognario di tutti i Paesi limitrofi.

Chi sta portando avanti questa battaglia?

A breve ci sarà un incontro con le associazioni ambientalistiche che da tempo denunciano le forti esalazioni malsane che provengono dal fiume,e danneggiano la vivibilità dei cittadini.

Molti attivisti della zona da anni si stanno battendo per portare avanti i loro progetti di bonifica. Questo potrebbe essere l’inizio di una grande riqualifica del territorio Campano,

nonché una svolta verso l’educazione per l’ ambiente che da tempo scarseggia al Sud per via di mancanza di accuratezza e rispetto per la natura. I lavori inizieranno appena ricevute le autorizzazioni dagli organi competenti.

Il Cavaiola 
Open