Mar. Giu 2nd, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Noi siamo la FLP: nasce il primo inno ufficiale di un sindacato Italiano

3 min read
Il brano è più di una semplice canzone
EVENTI IN EVIDENZA

Il brano è più di una semplice canzone

ROMA. È della FLP, Federazione Lavoratori Pubblici, il primo inno ufficiale di un sindacato italiano. L’idea nasce dalla volontà di donare ad ogni lavoratore una ulteriore arma con cui combattere clientelismo e cattiva politica: l’amore.

Il brano è più di una semplice canzone, è un appello ai lavoratori affinché ritrovino il senso del legame sociale, quell’identità collettiva oggi minata da approcci al lavoro sempre più soggettivi e differenziati.

Una canzone in chiave pop rock con un ritmo incalzante, un crescendo strumentale mescolato all’intensità degli archi e chitarre. Il testo, non particolarmente complesso, ed è frutto della volontà dell’autore Roberto Sperandini di riflettere sui valori semplici ma profondi di un sindacato che radica l’attività sul confronto e la trasparenza.

“L’anniversario dei vent’anni del sindacato FLP è stato l’ evento determinante per l’uscita della canzone. Da molto tempo coltivavo il desiderio di testimoniare in modo particolare l’amore che nutro per la sigla e le persone che la compongono. Sono stato uno dei fondatori, contribuendo a farlo nascere e crescere. Ora attraverso la musica, che rimane la mia più grande passione, sono riuscito a concretizzare il mio sentimento.”

Così Roberto Sperandini, autore e voce di NOI SIAMO LA FLP, presenta al pubblico l’inno ufficiale del sindacato.

“Chi ci conosce come FLP sa che non le mandiamo a dire, siamo stufi della cattiva politica e del cattivo sindacato, per questo affermiamo e pratichiamo i valori in cui crediamo fortemente e che non barattiamo per nulla al mondo”, sottolinea Sperandini.

NOI SIAMO LA FLP e’ prodotta ed arrangiata da Max Marcolini, noto produttore ed arrangiatore di Zucchero, insieme al musicista Christian Palladino ed al giovane Giacomo Satoru Quintili.

Per le voci corali hanno contribuito “il coro della parrocchia San Giovanni Battista de la Salle di Roma”

Insomma, un brano particolare nel suo genere per l’argomento trattato ma che potrebbe rivelarsi una piacevole sorpresa per tutti coloro che avranno il desiderio di ascoltarlo.

BIOGRAFIA AUTORE

Roberto Sperandini, 52 anni, è nato e vive a Roma.

Dopo varie esperienze lavorative, dal mestiere di fabbro a quello di impiegato bancario, dagli anni ’90 è un funzionario pubblico con la “vocazione” del sindacalista.

Insieme ad altri colleghi fonda nel 1999 il sindacato FLP.

È cresciuto ascoltando i più grandi cantautori italiani, Battiato su tutti, ed i migliori gruppi rock mondiali.

CENNI SULLA FLP

Sindacato autonomo nato nel 1999 la Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche è tra le OO.SS. maggiormente rappresentative in tutti i Ministeri detenendo la maggiore rappresentatività nel comparto delle Funzioni Centrali, nella relativa Area Dirigenziale, e nel comparto del Consiglio dei Ministri. Rispetto alla perdita di credibilità e consensi di altre sigle, la FLP è l’ unica realtà in costante crescita.

L’inno sarà presente su tutti i digital store dal 24 gennaio prossimo.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close