• Gio. Ago 18th, 2022

Nuova vittoria per il sindacato Itamil, condannati per atteggiamento antisindacale il Ministero e lo stato Maggiore dell’esercito

UDINE. Nuova vittoria per il sindacato militare dell’esercito “ITAMIL”

A seguito del ricorso dal Sindacato Itamil Esercito a difesa del Presidente Regionale del Comitato del Friuli Venezia Giulia, Il Maresciallo Capo Romano Lufrano, sono stati condannati il Ministero e lo Stato Maggiore dell’Esercito. 

Nello specifico, il sottufficiale era stato trasferito da Udine a Roma. Il ricorso, prontamente presentato dal sindacato Itamil attraverso lo studio legale Battista  aveva già portato ad una condanna in primo grado del Ministero e dello Stato maggiore dell’Esercito, imponente la cessazione delle azioni antisindacali ed il ritrasferimento immediato del presidente regionale. Tale verdetto aveva, inoltre, portato al risarcimento, da parte degli enti, di euro 2.000,00 più diversi oneri. Nonostante le sentenze nella stessa direzione riguardanti forze armate e di polizia, l’avvocatura di stato aveva, poi, posto opposizione. Conseguenza diretta è stata un’ulteriore condanna in secondo grado atta a cessare le azioni antisindacali e causa del pagamento di 3.600,00 più tutti gli altri oneri (per un totale di quasi 6.000,00 euro). In entrambi i casi, ad emettere la sentenza è stato il Giudice del Lavoro di Udine

In una nota del Sindacato, a firma del Presidente Sandro Frattalemi e del segretario generale, Girolamo Foti, si legge: “Chi paga effettivamente dazio? Il contribuente – recita il testo -. È ora che i soldi pubblici vengano gestiti con maggior cura visto la grave crisi economica che investe il nostro paese. Il direttivo – in conclusione della nota – ringrazia il Tribunale di Udine per aver reso giustizia nei riguardi di un nostro dirigente”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa